ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

The Corner: la Lazio dà una mano alla Roma, prosegue la cavalacata del Bayern

Lettura in corso:

The Corner: la Lazio dà una mano alla Roma, prosegue la cavalacata del Bayern

Dimensioni di testo Aa Aa

Ben ritrovati a “The Corner”, il nostro appuntamento settimanale con il calcio europeo.

Bundesliga

Iniziamo la terza puntata con il ritorno della Bundesliga e dei Campioni in carica del Bayern Monaco, che ricominciano da dove li avevamo lasciati. I bavaresi stendono il Mönchengladbach, grazie alle reti del gioiellino Goetze e di Muller, collezionando cosi’ la 15esima vittoria in 17 partite.

Rallenta invece il Borussia Dortmund, cogliendo un solo punto con l’Augsburg. Sahin crea l’illusione della vittoria, prima del pareggio del neoacquisto Ji Dong-won. Finisce 2-2. Come se non bastasse, Klopp, già in piena emergenza infortuni, perde anche Blaszczykowski, che si procura la rottura del legamento crociato anteriore.

I gialloneri salgono al terzo posto in classifica, ma sono a meno 14 dal Bayern capolista, che guarda tutti dall’alto, a quota 47. Secondo è il Leverkusen, che perde terreno a causa del k.o. di Friburgo.

Ligue 1

Andiamo in Francia, dove il Guingamp mette i bastoni tra le ruote al PSG. I Campioni in carica sfiorano la sconfitta, quando Yatabaré batte Sirigu, a sei minuti dal termine. A salvare i parigini è pero’ Alex, che firma il gol del pareggio, 3 minuti più tardi.

Coglie la palla al balzo il Monaco che, anche senza il fuoriclasse Falcao, trova il successo, nel posticipo contro un Marsiglia ancora in ombra. Germain e Riviere firmano le reti biancorosse, in una partita mai in discussione per i monegaschi.

Andiamo a vedere la classifica di Ligue 1. Il PSG è sempre al comando, con la squadra di Ranieri che si avvicina pericolosamente, a meno 3. Terzo è il Lilla, piu’ staccato.

Eredivisie

Trasferiamoci ora in Olanda, dove l’Ajax soffre contro il Go Ahead Eagles. Almeno finché Frank De Boer non azzecca il cambio.

Il 43enne olandese tiene a riposo Fischer e Schone, mandando in campo un tridente inedito: Bojan-Sigthorsson-De Sa. L’Ajax conduce il match, creando diverse occasioni, ma non riuscendo a concludere. De Boer decide quindi di far entrare Schone al 65esimo. Dieci minuti dopo il centrocampista danese ripaga il suo allenatore, segnando la rete del definitivo 1-0.

Sorride l’Ajax, che con questo successo si prende la vetta in solitaria del campionato olandese. I Lancieri sono a piu’ 2 sul Vitesse, al quinto pareggio stagionale, in casa contro il NEC, fanalino di coda.

Serie A

La Lazio riapre il campionato italiano, frenando la Juve nel ‘maledetto’ Olimpico, solo 4 giorni prima, teatro della sconfitta bianconera in Coppa Italia, per mano della Roma. Fatale al 24esimo l’espulsione di Buffon, che atterra Klose in area. E’ Candreva a realizzare il rigore dell’1-0. Il sempre piu’ in forma Llorente raddrizza la partita della Juve, che torna a casa con un pareggio, interrompendo pero’ la serie di vittorie consecutive, dopo 12 affermazioni.

La Lazio fa cosi’ un favore ai cugini della Roma che, grazie al successo di Verona, rosicchiano due punti alla Vecchia Signora, portandosi ora a meno sei.

La protesta dei tifosi del Trabzonspor

Si è concluso il processo relativo allo scandalo di match truccati in Turchia. Si è concluso, ma non per i tifosi del Trabzonspor. Erano oltre 30.000 i fan riunitisi sabato per le strade di Trebisonda, per protestare contro la decisione della Federcalcio turca, di non assegnare al loro club il titolo relativo al campionato 2010-2011. Un’ingiustizia secondo i bordeaux-blu, per due motivi. Primo: il Fenerbahce, al centro dello scandalo e Campione in quella stagione, la scorsa estate era stato sanzionato dall’UEFA, con l’esclusione dalle competizioni europee per due anni. Secondo: la settimana scorsa la Corte di Appello turca ha confermato la condanna a sei anni e tre mesi di carcere, per il presidente del club di Istanbul Aziz Yildirim.

“The Corner” per questa settimana finisce qui. L’appuntamento è per lunedi’ prossimo, per un altro affondo nel calcio europeo.