ULTIM'ORA

Lettura in corso:

E' migliorata l'economia statunitense ?


Insight

E' migliorata l'economia statunitense ?

L’economia è la grande sfida delle elezioni presidenziali americane. Nello stato chiave dell’Ohio, uno di quelli in bilico, che assegna 18 grandi elettori, è difficile stabilire quanto la ripresa economica sia reale data la crescita esigua.

Prendiamo il settore dell’auto, salvato dal sostegno pubblico di Obama. Le vendite sono aumentate del 7% in ottobre, la percentuale migliore, per un mese d’ottobre, dall’inizio della crisi nel 2007.

In uno stabilimento della General Motors, a Flint, vicino a Detroit, nello stato confinante del Michigan, si respira aria di ottimismo.

Tony McMillan, operaio:
“Questi non sono veicoli economici. Sono autocarri pesanti. Sono costosi. Sono fatti per durare a lungo. Il fatto che si stiano vendendo e che lavoriamo su tre turni, consegnandone 250 al giorno, la dice lunga su come stia andando l’economia “.

Il rovescio della medaglia è la bancarotta della città di Flint. Con un disavanzo di 13 milioni di euro il municipio ha dovuto licenziare 60 poliziotti negli ultimi due anni e abbassare i loro salari del 30%. Gli altri servizi comunali sono stati ridotti all’osso: il 20% dei dipendenti sono stati trasferiti e i funzionari hanno dovuto accettare una diminuzione del salario pari al 20%.

I danni della crisi economica sono visibili anche a Fredericksburg, nello stato della Virginia, che assegna 13 grandi elettori. Sebbene il tasso di disoccupazione sia al 5,8%, al di sotto della media nazionale, il Banco Alimetare di Fredericksburg ha sempre nuovi clienti.

Oya Oliver, presidente del banco alimentare di Fredericksburg :“Abbiamo un 31% in piu’ di persone che si rivolgono a noi”.

Anche i quartieri piu’ benestanti, che stavano bene prima della crisi come quello di Bucks County in Pensilvania, si trovano ora in difficoltà.

“Le bollette sono pagate”- dice una cittadina. “Ma non c‘è molto altro in tasca per comprare quello che serve…”.

Dall’altro lato, ci sono i commercianti che a malapena riescono a vendere i propri prodotti. In un negozio di abiti per uomo a Georgetown, ci sono i saldi tutto l’anno.

Alex Brown, proprietario del negozio: “Abbiamo i saldi dall’anno passato, che ci sono serviti per vendere abiti, diciamo, per un centinaio di dollari. E questo taglia i margini di profitto, è difficile restare aperti”.

L’economia americana va meglio ma non nel suo insieme. Non sono ancora maturi i tempi per una ripresa internazionale della crescita.

Prossimo Articolo

Insight

Usa: Romney presidente, possibile?