ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kaliningrad, il paese dell'ambra

Lettura in corso:

Kaliningrad, il paese dell'ambra

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ la zona più occidentale della Russia e un ottimo posto per andare in bicicletta. La regione di Kaliningrad è protagonista di questa puntata di “Russian Life”.

Isolata dal resto del Paese, la regione di Kaliningrad è la più piccola, la più recente e la più verde di tutta la Russia.

La sua collocazione favorevole e il suo clima mite rendono possibile spostarsi facilmente in bicicletta in città e nei dintorni.

Gennady Mikhailov, responsabile della Federazione ciclistica di Kaliningrad, sottolinea: “Siamo a 30 minuti dal mare, c‘è rispetto per l’ambiente, ci sono aria pulita, molti alberi verdi e un territorio interessante. E le distanze a Kaliningrad sono brevi – puoi attraversare la città a piedi in un’ora e mezza.”

Non molto è rimasto dell’architettura originaria di Koenigsberg, l’ex enclave tedesca passata all’Unione Sovietica dopo la Seconda Guerra Mondiale. I raid aerei degli alleati hanno distrutto il centro storico, prima che la città fosse conquistata dall’esercito sovietico.

Uno dei pochi edifici rimasti è la Cattedrale medievale. Ogni giorno concerti d’organo, eseguiti con uno strumento recentemente restaurato, attraggono visitatori da tutta la Russia e dall’estero.

I numeri di Kaliningrad

  • La regione di Kaliningrad è circondata da paesi dell’UE e non confina con il resto della Federazione Russa
  • Si estende per 15.100 chilometri quadrati e ha 941.873 abitanti
  • La distanza di Kaliningrad dalla Polonia è di 35 km, dalla Lituania 70 km, da Mosca 1289 km
  • La regione di Kaliningrad è l’unica zona della Russia che si affaccia sul Mar Baltico
  • La cicogna, l’anguilla del Baltico e l’ambra sono i simboli non ufficiali della regione

Artyom Khachaturov, organista della cattedrale di Kaliningrad, afferma: “Kaliningrad è speciale rispetto ad altri luoghi della Russia, soprattutto per il fatto che l’Europa è molto vicina. I tanti turisti europei trasmettono una forte influenza culturale che gli abitanti assorbono e integrano nella loro vita quotidiana.”

Nel porto della città, vecchi edifici industriali sono ora occupati da artisti del luogo, che lavorano la più famosa risorsa di Kaliningrad: l’ambra.

Questa gemma naturale è un fossile formato dalla resina di pino, che si presenta in diverse forme e colori.

I gioiellieri dicono che l’ambra è molto diversa dalle altre pietre: deriva dalle piante e sembra aver conservato dentro di sé la vita e il sole.

“L’ambra fa bene alla salute – assicura l’orafo Alexander Yuritsin -. Se tagli il granito, devi indossare una maschera protettiva e degli occhiali. Ma quando lavori l’ambra, non devi prendere precauzioni – anzi, ti fa diventare più forte, giovane e bello… Come me!”

Piccoli insetti, intrappolati nella resina liquida decine di milioni di anni fa, sono stati immortalati nelle gemme di ambra.

A poca distanza da Kaliningrad ci sono le spiagge russe sul Baltico. Pezzi di ambra provenienti dal fondo del mare vengono spesso portati dalle onde sulle spiagge di sabbia bianca, dove possono essere raccolti facilmente.

Ma la maggior parte dell’ambra grezza proviene dalla grande cava nei pressi di Yantarny.

Elena Platunova, guida turistica, spiega: “Dietro di me vedete l’unica miniera naturale a cielo aperto di ambra al mondo. La cava va fino a 50 metri di profondità, e l’estrazione industriale qui, nella penisola di Sambia, sul Mar Baltico, produce oltre il 90% della fornitura mondiale di ambra grezza.”

Una vecchia cava, non piu’ utilizzata dagli anni Settanta, si è allagata ed è divenuta il Lago d’Ambra – il luogo ideale per le immersioni.

Il lago, profondo 30 metri, è servito come set cinematografico per molti film d’azione: fusoliere di aerei, scatole di munizioni e altri accessori di scena sono sparsi sul fondale.

“E’ tutto dalla regione di Kaliningrad – conclude l’inviato di euronews, Denis Lotkev -. Nelle prossime due puntate, concluderemo il nostro viaggio in Russia nella sua capitale, Mosca. Alla prossima settimana in Russian Life!”