This content is not available in your region

Dubai vuole democratizzare le criptovalute

euronews_icons_loading
Dubai vuole democratizzare le criptovalute
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Dimensioni di testo Aa Aa

Aprire le criptovalute alle masse

Tutti parlano di criptovalute, tutti hanno sentito parlare di Bitcoin, ma in pochi sanno e capiscono veramente di cosa si tratti. Per cercare di colmare questa lacuna, a fine maggio si è tenuto a Dubai l’Aibc Summit. Eman Pulis, fondatore di Aibc, spiega: "Abbiamo diverse sessioni tecniche per addetti ai lavori, ma ci rendiamo anche conto che bisogna fornire strumenti alla gente comune, se vogliamo che le masse possano un giorno sfruttare appieno criptovalute e blockchain”.

Semplificando, le criptovalute sono monete virtuali, a differenza di euro o dollari che possiamo possedere fisicamente, in genere non sono legate a una banca o a un governo e consentono agli utenti di restare anonimi attraverso una serie di transazioni complesse che utilizzano la tecnologia della blockchain.

Esistono attività commerciali che accettano pagamenti in criptovalute, ma in generale rimane una certa diffidenza. Una situazione che Dubai intende cambiare. Uno dei primi passi è stato il lancio del Dmcc Crypto Centre.

"Crediamo fortemente nella blockchain - afferma Ahmad Hamza, direttore esecutivo di Dmcc Freezone -, crediamo nelle criptovalute e forniamo una regolamentazione solida lavorando con l’Autorità competente. E forniamo anche una serie di servizi per queste aziende e piattaforme per aiutarle non solo a lanciarsi, ma anche a prosperare e avere successo”.

Chi le ama, chi le odia

In eventi come l'Aibc Summit i leader in campi che vanno dall’intelligenza artificiale alla blockchain all’Internet delle cose si riuniscono per discutere e modellare il futuro delle tecnologie emergenti. Un ospite chiave in questo caso è stato Scott Stornetta, il co-inventore della blockchain, cruciale nella creazione del Bitcoin.

C’è chi mette in guardia sull'instabilità delle criptovalute, che rappresenterebbero quindi un rischio per gli investitori. Per Stornetta si tratta dello stesso scetticismo che esisteva all'inizio dell'era di internet, quando, dice, "C'erano molti falsi e truffe. Ma con il tempo abbiamo sviluppato basi sicure che ci consentono di creare molto più valore”.

Il mercato delle criptovalute è anche soggetto a un’estrema volatilità, e personaggi pubblici come Elon Musk hanno sollevato questioni sull’impatto che queste oscillazioni possano avere sugli investitori. Gli addetti ai lavori incoraggiano la gente comune a cercare da sé le informazioni utili a farsi un'idea sulla questione per poter decidere con cognizione di causa.

Banche, società di servizi finanziari e governi si dividono fra chi ha accolto con entusiasmo le criptovalute e chi ne sta alla larga. Per gli investitori invece le valute digitali rappresentano già il futuro.