This content is not available in your region

A Dubai la 14esima edizione del festival della letteratura Emirates Airline

euronews_icons_loading
A Dubai la 14esima edizione del festival della letteratura Emirates Airline
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Di Euronews

180 autori da 50 paesi in 11 giorni. In programma masterclass, workshop, tavole rotonde e incontri. Il festival della letteratura Emirates Airline, a Dubai, è una vetrina per gli scrittori internazionali e una piattaforma importante per i talenti locali. Il festival è giunto alla sua 14esima edizione e continua a crescere. È la più grande celebrazione della parola scritta e parlata nel mondo arabo. Tra gli ospiti più attesi c'era il britannico David Williams, attore comico e affermato scrittore di libri per bambini.

"È meraviglioso essere invitati a un festival del libro, poter incontrare colleghi e lettori - dice Williams -. Penso che i libri creino una connessione speciale con i tuoi lettori. Una cosa è quando ti vedono in TV, un'altra quando leggono uno dei tuoi libri. Si sentono molto vicini allo scrittore, quindi è una bella opportunità per me di incontrarli e per loro di conoscermi, fare domande, farsi firmare il libro. E posso anche farmi un'idea di quello che gli piace".

Quest'anno si celebra il decimo anniversario del bestseller Nonna Gangster, uno dei libri di Williams più apprezzati. Dopo il suo esordio nel 2008 con "Il campione in gonnella", Williams ha pubblicato altri 13 libri, vendendo più di 12 milioni di copie in tutto il mondo. Molti dei suoi libri sono diventati film in cui ha recitato lo stesso Williams.

"Cerco di creare libri divertenti ed emozionanti che i bambini vogliano leggere di propria iniziativa - dice lo scrittore britannico -. Quando sei un bambino, ovviamente, il tuo insegnante ti dice di leggere, e anche i tuoi genitori ti invitano a farlo. Ma penso che non ci sia niente come un bambino che sceglie di leggere di sua iniziativa".

Assieme a Williams, tra gli ospiti più attesi c'era Lucinda Dickens-Hawksley, discendente di Charles Dickens. "Una delle cose che amo dei festival letterari è che riuniscono persone di tutti i ceti sociali e di tutte le parti del mondo - dice Dickens-Hawksley -. Negli ultimi due anni abbiamo visto come la gente si chiuda in sé stessa quando non può viaggiare, quando è costretta a stare in una bolla per essere al sicuro. Sto incontrando persone affascinanti, le conversazioni con loro sono meravigliose. Dickens era un grande viaggiatore. Ho appena finito di scrivere un libro intitolato Dickens and Travel, ed è stato incredibile per me vedere quanto abbia viaggiato nel XIX secolo. L'idea generale è che la gente del tempo non viaggiasse e stesse sempre a casa. Dickens è stato uno dei primi a scrivere una specie di libro di viaggio. È stato spesso considerato il primo autore moderno perché è andato in America e in Canada. Ha viaggiato per l'Italia per parlare dei suoi libri.

Maitha Al Khayat è una scrittrice e illustratrice locale. Si è dedicata all'arte dopo essersi accorta di quanto pochi siano i racconti incentrati sulla vita e la cultura emiratina. "Viviamo in un mondo sempre più interconnesso, in alcuni casi le persone non riescono a trovare sé stesse, una propria identità - dice Al Khayat -. Quindi penso che le storie sulla nostra cultura ti mostrino semplicemente chi sei e da dove vieni. Penso che sia davvero importante. È importante che il mondo ascolti anche le nostre storie. Abbiamo così tante storie incredibili da raccontare. Vogliamo condividerle con il mondo e questo è il luogo perfetto per farlo".

Il festival è in programma dal 3 al 13 febbraio ad Al Habtoor City.