EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Caso camici, la difesa di Fontana: pm ci chiesero di patteggiare

'Ovviamente governatore rifiutò'. Prosciolto e in corso appello
'Ovviamente governatore rifiutò'. Prosciolto e in corso appello
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 19 GIU - "I pm hanno avuto un momento di crisi, perché hanno capito che questo processo non si doveva fare, e ci hanno proposto un patteggiamento ad una pena pecuniaria, dopo aver fatto tutte le indagini che hanno fatto, e ovviamente il presidente della Regione non ne ha voluto sapere". Lo ha riferito l'avvocato Jacopo Pensa, legale di Attilio Fontana, nel suo intervento davanti alla Corte d'Appello di Milano che dovrà decidere, il 10 luglio, sul ricorso della Procura milanese contro i proscioglimenti, decisi in udienza preliminare, del Governatore lombardo e altri 4 indagati per il cosiddetto "caso camici". "Non avrei mai immaginato di dover discutere in appello, di dover arrivare fino a questo punto - ha spiegato Pensa, che assiste Fontana col legale Federico Papa - una vicenda nella quale sono state impiegate energie e risorse, coi pm che hanno costruito un film, il contrario storico di ciò che è avvenuto e il che fa capire l'incertezza e la ricerca del reato da parte dei pm". Reato che cambiò nel corso delle indagini, "si partì con una turbativa e poi l'accusa si è sviluppata in frode" in pubbliche forniture. "Questo processo - ha detto ancora la difesa di Fontana - è il contrario di ciò che deve essere un processo, da parte dei pm c'è stato quell'innamoramento nei confronti della propria tesi, che lo stesso Mattarella di recente ha criticato, dicendo ai magistrati 'non innamoratevi delle tesi'". Il gup Chiara Valori, il 13 maggio 2022, aveva emesso sentenza di "non luogo a procedere perché il fatto non sussiste" per il governatore, per il cognato Andrea Dini, titolare di Dama spa, per Filippo Bongiovanni e Carmen Schweigl, ex dg e dirigente di Aria, centrale acquisti regionale, e per il vicesegretario generale di Regione Lombardia, Pier Attilio Superti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arabia Saudita: oltre 1.300 morti durante il pellegrinaggio Hajj alla Mecca

Russia: attacchi armati in Daghestan, 15 poliziotti e un prete ucciso, sei gli attentatori eliminati

La notte di mezza estate: origine, adattamento cristiano e celebrazioni in tutto il mondo