ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Non solo film. Per sopravvivere i cinema propongano anche serie tv"

euronews_icons_loading
"Non solo film. Per sopravvivere i cinema propongano anche serie tv"
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Dimensioni di testo Aa Aa

Andare oltre i film e proporre anche altro. Da uno dei fondatori di Netflix la ricetta per salvare le sale cinematografiche, piegate da congiunture e Covid: "Bisogna adeguarsi alla nuova domanda - ci dice Mitch Lowe -. La soglia di attenzione cala, la gente esce in gruppo e non vuole più restare inchiodata due ore al buio per vedere un film. Per sopravvivere il settore deve guardare avanti, sperimentare soluzioni come maratone di serie tv in sala o diffusione di eventi sportivi". Praticamente da sempre in prima linea nell'industria dell'intrattenimento, da Dubai Lowe ci parla della sua esperienza a Netflix, dell'evoluzione dell'industria dell'intrattenimento e delle potenzialità del mercato.

Jane Witherspoon, Euronews
"Come ha visto evolversi l'industria del videonoleggio, negli ultimi decenni?".

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix "Fin dalle origini si è trattato una specie di modello 'à la carte'. Al pubblico si offriva cioè la scelta se andare al cinema o invece noleggiare una videocassetta o un DVD. Da lì si è passato poi alle formule a sottoscrizione, con tutti i loro risvolti positivi. Sono per esempio cadute tante barriere che frenavano lo spettatore, che ora è invece libero di esplorare i contenuti".

Marcio Jose Sanchez/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.
Il quartier generale di Netflix a Los Lagos, CaliforniaMarcio Jose Sanchez/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.

Netflix: il successo inaspettato e l'arte di non guardare alla concorrenza

Euronews

"Lei è stato uno dei fondatori di Netflix. Come è stato partecipare a quell'avventura?".

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix

"Non immaginavamo affatto il successo che avremmo incontrato. Nessuno si aspettava che diventassimo una referenza. Mi ricordo che ci divertivamo a scommettere su quanto saremmo riusciti a crescere. Io mi dicevo: 'Se solo riuscissimo ad avere 1 milione e 700.000 utenti sarebbe incredibile... Oggi ne abbiamo cento volte tanti. Oltre 180 milioni".

Euronews "Qual è stato l'impatto di compagnie come Apple o di altre piattaforme di streaming come Starz Play in Medioriente, o ancora Disney? Cosa ha comportato questa concorrenza? E come l'ha gestita Netflix?".

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix

"Sa, a dire il vero non abbiamo mai guardato alla concorrenza. Non abbiamo mai neanche guardato alle mosse dei nostri competitor. A parte una volta. Quando cioè Netflix è approdato nel Regno Unito. All'epoca anche Amazon si preparava ad arrivare sul mercato britannico ed era proprio il concorrente che all'epoca ci faceva più paura. E così abbiamo congelato l'operazione".

Jenny Kane/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Netflix alla prova della concorrenzaJenny Kane/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

"Serie TV, eventi sportivi e videogame. Per sopravvivere i cinema si aprano ad altro"

Euronews

"Lei ha poi lasciato Netflix per Movie Pass. E' cioè passato da un gigante con milioni di utilizzatori a un servizio sempre a sottoscrizione, ma più che altro rivolto ai cinema. Poi però le sottoscrizioni sono crollate, giusto?".

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix "Sì, è vero. Credevo che al cinema avremmo potuto replicare il modello che si era rivelato vincente a Netflix. Abbattere cioè le barriere, per facilitare la scoperta e la sperimentazione. Siamo però cresciuti troppo rapidamente. Dopo otto mesi avevamo già 3,3 milioni di utenti. Troppi per quello che eravamo all'epoca. Nove mesi più tardi siamo quindi implosi. Gli investitori hanno detto basta. Avremmo piuttosto dovuto optare per una crescita controllata".

Euronews

"Un'altra grande sfida che ci troviamo ad affrontare è ora il Covid. L'impatto per i cinema si sta già rivelando enorme. Ma a suo avviso qual è il prezzo per il settore dell'intrattenimento nel suo complesso?".

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix

"Speriamo anzitutto che si tratti di effetti transitori. Mi auguro che i cinema rialzino la testa e che la filiera comprenda di dover testare nuove soluzioni. Movie Pass era proprio questo: un tentativo di scuotere i gestori delle sale, per far loro capire che gli spettatori non cercano solo i film. La nostra capacità di attenzione si riduce sempre di più. Non abbiamo più voglia di andare al cinema per starcene seduti al buio a guardare un film per due ore. Perché, per esempio, non proporre delle maratone di proiezioni, in cui per sei ore consecutive si propongono tutti gli episodi della serie Stranger Things?".

Frank Augstein/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved
I videogame tra i contenuti proposti da Mitch Lowe per rilanciare il settore delle sale cinematograficheFrank Augstein/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved

"Creare condizioni e spazi affinchü la comunità creativa possa sperimentare"

Euronews

"Come sopravvivere però economicamente? Va bene il romanticismo del buio in sala, ma... cosa dovranno fare i cinema per restare a galla?".

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix "Beh, penso che dovranno anzitutto proporre contenuti innovativi. Prendere per esempio atto che la gente esce in gruppo, vuole interagire. Non vuole più starsene inchiodata in sala per guardare un film per due ore. Perché non trasmettere degli eventi sportivi, per esempio? O delle competizioni di videogiochi?".

Euronews

"Quanto ritiene che pesi, su scala mondiale, l'industria mediorientale dell'intrattenimento? Penso a quella degli Emirati Arabi Uniti e di Dubai in particolare, per esempio". (10/12)

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix

"Uno dei fenomeni più straordinari a cui assistiamo, su piattaforme come Netflix, è proprio la commistione e la contaminazione dei generi. Con la forza della sua gioventù e il vivaio di talenti creativi di cui dispone, credo che il Medio Oriente abbia un potenziale enorme per dar vita a un'industria dell'intrattenimento, concorrenziale a livello mondiale. Tutto sta semplicemente a creare le condizioni, affinché questa 'comunità creativa' possa concretizzare e distribuire i suoi prodotti".

Photo Credits: Perchek Industrie
Una creazione di Perchek IndustriePhoto Credits: Perchek Industrie

Nuovi imprenditori pronti a buttarsi. La selezione avviene in aereo

Euronews "Lei è qui a Dubai per un progetto molto particolare: 'Pitch Up in the Sky'. Può dirci di che si tratta e come è stato coinvolto?"

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix "Si tratta di un evento senza precedenti. Abbiamo ricevuto candidature da imprenditori di tutta l'Africa e il Medioriente. Io ho fatto parte del collegio giudicante - eravamo in quattro - e abbiamo dovuto scremare e ridurli a dieci. Ciascuno di loro ha avuto l'opportunità di presentare il suo progetto, in videoconferenza su Zoom, ma...

Euronews ... da un aereo!

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix "Poi abbiamo ulteriormente scremato e ridotto il numero di candidati a tre e li abbiamo fatti salire con noi su un aereo da turismo, per un'ultima presentazione da sessanta secondi, durante la fase di ascensione. E il vincitore ha finito per saltare dall'aereo con il paracadute!".

Photo: Erik Scheel via Pexels
Pitch Up in the Sky: la selezione è "in volo"Photo: Erik Scheel via Pexels

Netflix: vero competitor è il sonno. "Senza potremmo guardare più serie"

Euronews

"Che consiglio darebbe a questi imprenditori? Qual è insomma il segreto del successo?".

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix

"Ce ne sono tanti. Bisogna essere anzitutto perseveranti. Ma anche circondarsi delle persone giuste, restare fedeli a se stessi, continuare a migliorarsi e ad essere trascinatori. Motivare e coinvolgere gli investitori, ma anzitutto la propria squadra, ad andare avanti. Abbastanza, ma non troppo. E non troppo velocemente".

Euronews "Tornando all'industria dell'intrattenimento, un'ultima domanda da un milione di dollari. Che cosa riserva il futuro?".

Mitch Lowe, cofondatore di Netflix

"Beh, il Covid ha anzitutto fatto aumentare sensibilmente i consumi. I prodotti d'intrattenimento credo abbiano aiutato molti a vivere meglio questa fase difficile. Il futuro credo che sia quindi radioso, molto radioso. Non so lei, ma io ho vissuto periodi in cui alle dieci di sera mi mettevo a guardare una serie, dicendomi che avrei smesso a mezzanotte. E invece, cinque ore dopo ero ancora lì, per finire l'intera stagione. Credo insomma che si debbano testare nuovi limiti. A una domanda sulla concorrenza, una volta, l'amministratore delegato di Netflix, Reed Hastings, ha risposto: 'Il competitor che temo di più è il sonno'. Voleva insomma dire che se non dovessimo dormire, potremmo guardare più serie di Netflix. E credo che abbia ragione!".