ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Gli Emirati alla conquista del pianeta rosso

euronews_icons_loading
Gli Emirati alla conquista del pianeta rosso
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai Tourism
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono stati anni davvero impegnativi per il programma spaziale degli Emirati Arabi Uniti. Hanno sviluppato e lanciato una serie di satelliti e l'anno scorso hanno inviato il primo astronauta degli Emirati, Hazza Al Maansouri, alla Stazione Spaziale Internazionale.

Ora gli Emirati hanno lo sguardo fisso su Marte. E il culmine di tutti i loro sforzi è la sonda Hope, destinata a orbitare attorno al pianeta rosso.

"Ciò che la missione Emirates Mars fornirà - spiega Sarah Al Amiri, ministro per le scienze avanzate degli Emirati - sono i dati effettivi per un intero anno da ovunque su Marte. Perché è importante? Il cambiamento climatico è uno dei motivi: comprendere meglio le dinamiche meteorologiche e i cambiamenti atmosferici su Marte ci darà un elemento per sapere ciò è successo sul pianeta rosso. Perché è entrato nello stato in cui è oggi; ciò ci consentirà di comprendere meglio i cambiamenti climatici sulla terra e ciò che di solito accade naturalmente quando si tratta di cambiamenti climatici. Inviare uomini su Marte ci fornirà una migliore comprensione di ciò che si dovrà affrontare. È qualcosa di diverso da qualsiasi impresa abbiamo mai sognato o pensato di poter sognare o tentare".

Emirates Mars Mission è qualcosa di diverso da qualsiasi impresa abbiamo mai sognato o pensato di poter sognare o tentare
Sarah Al Amiri
Ministra per le scienze avanzate degli Emirati Arabi Uniti

Raggiungere Marte significherà grandi cambiamenti per gli Emirati Arabi Uniti.

Omran Sharaf, responsabile del progetto Emirates Mars spiega che gli Emirati cercano un cambiamento nell'ecosistema quando si tratta di costruire un’economia basata sulla conoscenza creativa, competitiva e innovativa. E si guarda allo spazio come a un mezzo per farlo. "Si tratta di affrontare le nostre sfide nazionali legate alle risorse idriche, alimentari ed energetiche. E si tratta di generare conoscenza che servirà a tutta l'umanità", aggiunge Sharaf.

Spettrometri e supersensori per studiare Marte e orientare la sonda

Gli strumenti scientifici che raccoglieranno tutti questi nuovi dati da Marte includono:

  • Uno spettrometro a infrarossi per studiare i sistemi di nuvole dell'atmosfera inferiore, i cicli di diossido di carbonio e le temperature.
  • Un sensore per immagini ad alta risoluzione e per comprendere meglio i raggi ultra violetti nell'atmosfera inferiore.
  • Uno spettrometro a ultravioletti che esamina la velocità con cui l'idrogeno e l'ossigeno lasciano l'atmosfera superiore di Marte.

Nel maggio di quest'anno la sonda arriverà al centro spaziale di Tanegashima in Giappone, e l'arrivo nell'orbita marziana è previsto nel 2021. La data di partenza è stata scelta perché in quel momento la Terra e Marte si troveranno alla minima distanza tra loro. Questa situazione si ripete all'incirca ogni due anni, pertanto se la finestra di lancio del 2020 dovesse essere persa, il lancio sarà posticipato al 2022.

La sonda Hope

La sonda Hope consta di tre antenne a basso guadagno e un'antenna a elevato guadagno. Questa è usata principalmente quando si è lontani dalla terra. L'antenna ad alto guadagno ha un diametro di 1,85 metri. Generalmente si inviano dati sulla terra a circa 200 kbps (circa quattro volte più velocemente di un modem dial-up della vecchia scuola).

Ci sono quattro pannelli solari che forniscono la principale fonte di energia per il veicolo spaziale una batteria secondaria nel caso in cui non ci sia il sole. In fondo, sensori stellari per dire al veicolo spaziale dove si trova.

E siccome ci vogliono tra 12 minuti a quasi mezz'ora per parlare con l'astronave alla base si saprà solo dopo 20 lunghissimi minuti, se la sonda è atterrata bene.

Mohsen Alawadhi, ingegnere, spiega che a un certo punto "L'astronave distoglierà lo sguardo da Marte e punterà i propulsori verso Marte, poi rallenterà. Se andremo troppo veloci o troppo lenti, falliremo. Se non atterreremo dove vogliamo, probabilmente ci schianteremo su Marte. Quindi è una missione davvero critica". "L'atterraggio" su Marte, brucia circa metà del carburante.

  • La struttura della sonda è per lo più a nido d'ape in alluminio con fogli di carbone

• Cablaggio: ci sono circa 4.200 singoli cavi sul veicolo spaziale

  • La sonda Hope avrà forma esagonale. La massa totale sarà di circa 1 500 kg, incluso il propellente, e misurerà 2,37 metri per 2,90 metri.

Per saperne di più

Emirates Mars Mission; Gli emirati lavorano per mandare una sonda su Marte