ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sei giorni a Pechino fra lavoro e piacere

Lettura in corso:

Sei giorni a Pechino fra lavoro e piacere

Sei giorni a Pechino fra lavoro e piacere
Dimensioni di testo Aa Aa

Tra pochi mesi Pechino ospiterà l’International Capital Conference, il più importante evento commerciale tra Cina ed Europa, nonché uno dei tanti indicatori della crescente popolarità di questa straordinaria città tra le destinazioni del turismo d’affari o MICE (acronimo di Meetings, Incentives, Conferences, Exhibitions).

Ha già attirato eventi globali e regionali che hanno messo in contatto operatori di tutto il mondo, tra cui il forum APEC, la Global Mobile Internet Conference e l'ottava edizione del Clean Energy Ministerial (CEM). Inoltre, il numero di conferenze che hanno luogo nella capitale cinese ha recentemente registrato un aumento del 20%.

La presenza di società multinazionali e l'architettura all'avanguardia rendono questa moderna metropoli una sorta di ponte tra la ricca cultura cinese, con i suoi tre millenni di storia, e le innovazioni del XXI secolo.

La capitale cinese si è dotata di infrastrutture di altissimo livello, come un’estesa rete metropolitana e nuove linee ferroviarie ad alta velocità. La città vanta anche esperti tour operator che si assicurano che ogni viaggio o evento venga pianificato alla perfezione, sia che si tratti di una grossa fiera presso il New China International Exhibition Center o di un incontro esclusivo presso il prestigioso Bulgari Hotel, aperto di recente.

Ha contribuito ad aumentare la capacità di accoglienza per il turismo d'affari e generico l'entrata in vigore della 144-Hour Visa-Free Transit, un'esenzione dal visto per soggiorni di massimo 144 ore, che consente a determinati viaggiatori in transito di trascorrere fino a sei giorni a Pechino o nelle vicine Tianjin e Hebei senza bisogno del visto.

I visitatori hanno così a disposizione quasi una settimana per andare all'Opera, visitare i musei e la Grande Muraglia Cinese, imparare a cucinare i ravioli al vapore e darsi a un po’ di shopping tax free al mercato delle perle e nei negozi della Wangfujing Dajie, e tanto altro.

Requisiti per l'esenzione dal visto per 144 ore

  • Essere cittadini di uno dei 53 paesi aderenti in Europa, America, Oceania e Asia
  • Partire da uno dei sei porti autorizzati incluso il Beijing Capital International Airport entro 144 ore dall'arrivo
  • Dimostrare ai funzionari del porto autorizzato di essere in possesso di documenti di viaggio validi e del biglietto per un paese terzo con posto assegnato
  • Le 144 ore decorrono dalle ore 12 del giorno successivo all'arrivo

Scopri di più

PRIMO GIORNO: DONGCHENG, ”CITTÀ DELL'EST”

Dongcheng è il cuore pulsante della Pechino storica: piazza Tienanmen, il Museo nazionale della Cina, il Mausoleo di Mao Tse-tung e la Città Proibita sono tutte tappe obbligate. La Grande Sala del Popolo ha ospitato eventi come l'Assemblea nazionale del popolo e le cerimonie della Prima conferenza mondiale sul turismo per lo sviluppo. Alcuni degli stretti vicoli della zona (detti hutong) sono immutati da 700 anni, mentre altri, come Yangmeizhu Xiejie, sono stati rinnovati e ospitano oggi negozietti di design alla moda. Fermatevi in una delle bancarelle degli hutong per assaggiare una scodella di autentico miancha caldo o un piatto di anatra alla pechinese. Poi andate sulla Qianmen Dajie per un po’ di shopping tax free nei negozi di marchi cinesi.

SECONDO GIORNO: CENTRAL BUSINESS DISTRICT

Il Central Business District (CBD), nella parte meridionale del distretto di Chaoyang, è un vivace hub finanziario e delle telecomunicazioni, nonché la prima zona cinese per rapporti con l'estero. Il quartiere pullula di edifici di prim’ordine. Il grattacielo che ospita la sede centrale della televisione cinese CCTV, con il suo inconfondibile stile decostruttivista, progettato dallo studio di Rem Koolhaas, è un celebre punto di riferimento dello skyline pechinese. L'edificio più alto della città, il China World Trade Center Tower III, nasce da un progetto degli stessi architetti che crearono la controparte newyorchese. Al suo interno, il China World Hotel della catena Shangri-La offre camere di lusso, sale per eventi e le migliori viste di Pechino. Xiushui Market o Silk Street è un altro punto ufficiale per lo shopping tax free, dove i visitatori possono acquistare perle, tè, oggetti di artigianato, seta e porcellane. Nella sezione di Liangmaqiao del CBD, il Four Seasons Beijing, classificato come il primo business hotel del Paese, non mancherà di conquistare i clienti del suo elegantissimo ristorante Cai Yi Xuan.

TERZO GIORNO: OLYMPIC GREEN / ASIAN GAMES VILLAGE

Nella parte settentrionale della città, gli impianti dei Giochi Olimpici di Pechino del 2008 sono autentici capitoli di storia contemporanea. Tra essi, il Centro acquatico nazionale di Pechino, noto come il "Cubo d'acqua", è stato trasformato nel parco acquatico più grande della Cina. Il Museo nazionale dello sport, nell'Asian Games Village, presenta l'eccellenza dell'atletica nei secoli. Pechino passerà alla storia come la prima città ad aver ospitato sia i Giochi olimpici estivi che quelli invernali (nel 2022). Lo Stadio nazionale di Pechino offre ulteriori possibilità di shopping tax free per chi desidera acquistare articoli con il logo delle Olimpiadi, dei Giochi asiatici, dell’APEC e del Forum “Belt and Road”. Il China National Convention Center, sede del Centro stampa dei Giochi olimpici nel 2008, è oggi un complesso fieristico di primo livello che ha ospitato la prima Global Cross-Border E-Commerce Conference nel 2018.

Pechino è collegata con il mondo tramite…

  • Il secondo aeroporto più grande del pianeta, il Beijing Capital International Airport
  • L’aeroporto ha un traffico di oltre 90 milioni di viaggiatori
  • 149 rotte nazionali e 132 rotte internazionali
  • I numerosi collegamenti rendono Pechino la prima città della Cina per le conferenze,
  • La quarta in Asia,
  • La quindicesima nel mondo,
  • La sede di oltre 2000 associazioni nazionali, università rinomate e istituti di ricerca

QUARTO GIORNO: TURISMO IN TRENO

L’esenzione dal visto per 144 ore consente non solo di visitare Pechino, ma anche di spostarsi nelle vicine Tianjin e Hebei. Con i treni ad alta velocità delle ferrovie cinesi, in trenta minuti sarete a Tianjin e, da qui, in meno di due ore raggiungerete Baoding (nella provincia di Hebei). In quest'ultima località potrete visitare le tombe Han del distretto di Mancheng. Nella vivace Tianjin, non perdete il Centro Culturale di Binhai oppure tornate al periodo della dinastia Qing sulla Strada dell’antica cultura. In treno è anche possibile raggiungere la Grande Muraglia: salite alla stazione di Huangtudian nel distretto di Changping di Pechino e scendete alla fermata di Badaling. L'escursione, una di quelle esperienze da fare almeno una volta nella vita, dura meno di due ore. La Grande Muraglia di Badaling è la sezione più spettacolare e meglio conservata dell'antica fortificazione.

QUINTO GIORNO: TURISMO LOCALE

Scegliete la capillare rete metropolitana di Pechino per raggiungere in breve tempo una serie di importanti luoghi di interesse. La linea 4 vi porta al parco reale più grande della Cina, il Palazzo d'Estate (fermata di Beigongmen). Il Tempio del Cielo, maestoso complesso cerimoniale imperiale costruito nel XV secolo, è raggiungibile con la linea 5, fermata Tiantan Dongmen. La linea 6 (fermata Beiyunhe West) porta al Tongzhou Canal Park, dove è possibile visitare il Gran Canale, il più lungo e antico del mondo. A una cinquantina di minuti di auto dall'aeroporto, il distretto del lago Yanqi offre paesaggi montani, giardini, possibilità di campeggio e gite in barca. Il Beijing Yanqi Lake International Convention & Exhibition Center è il luogo ideale per gli eventi aziendali grazie alla sala conferenze, a una grande sala da ballo e sale riunioni di dimensioni più ridotte.

SESTO GIORNO: DISTRETTO ARTISTICO 798

La Cina è il secondo mercato d'arte al mondo e a Pechino è facile imbattersi in talenti locali affermati ed emergenti. A meno di mezz'ora di auto dal Beijing Capital Airport, 798 Art Zone è la meta perfetta per una gita di mezza giornata prima di ripartire. Qui, le fabbriche in disuso al confine con il Distretto di Dashanzi sono diventate spazi artistici molto suggestivi. In questo quartiere creativo si respira cultura e i vivaci caffè fanno da sfondo, tra gli altri, al Beijing Minsheng Art Museum e al White Box Museum of Art. Il vicino e lussuoso NUO Hotel Beijing, aperto di recente, è il simbolo della fase di prosperità e crescita che la zona sta attraversando. Le sale riunioni e la sala da ballo sono gestite con professionalità da un team di esperti in organizzazione di eventi e catering.

Visitate il sito web della Beijing Municipal Commission of Tourism Development per ricevere assistenza nell'organizzazione di eventi, viaggi d'incentivazione, conferenze, mostre, tour e FAM Trip.

Shopping tax free per turisti esteri

  • Acquistate in uno degli oltre 477 punti vendita tax-free
  • Spendete almeno RMB 500 (circa EUR 66)
  • Portate con voi gli articoli acquistati, nella loro confezione originale e non utilizzati
  • In aeroporto, recatevi presso un Departure Tax-Refund Verification Point
  • Riceverete un rimborso del 9% in contanti o tramite bonifico bancario

Scopri di più

Altro da mondo