Tashkent Film Festival: l'Uzbekistan mette in vetrina i suoi talenti

Tashkent Film Festival: l'Uzbekistan mette in vetrina i suoi talenti
Diritti d'autore  euronews
Di Paul Hackett

Più di 300 artisti e ospiti provenienti da tutto il mondo hanno sfilato sul tappeto rosso del Tashkent Film Festival. Anche se ancora meno conosciuto di altri paesi a livello cinematografico, per gli addetti ai lavori l'Uzbekistan è una fucina di talenti.

"Questo è un festival molto famoso,  la perla della Via della Seta - dice Gabrielle Kelly, regista e presidente della giuria -. Mi piace essere in un posto come questo perché penso che questi siano i luoghi in cui si trovano storie ancora poco conosciute, a cui non siamo stati esposti. C'è un'energia meravigliosa".

Una delle categorie più originali del festival è il Grand Prix, dedicato ai registi alle prime armi: tutti i cortometraggi in gara devono essere girati in Uzbekistan in soli cinque giorni. Quest'anno il primo premio è andato al regista, attore e scrittore uzbeko Timur Murodov, il cui film "Casseta" è incentrato su un uomo anziano che vive da solo ed è costretto ad adattarsi alla vita moderna.

La promozione di giovani talenti è priorità del festival. Con 60 masterclass, tra cui una del regista francese Luc Besson, l'obiettivo del festival è quello di offrire un'esperienza il più completa possibile ai partecipanti.

"Creiamo una grande piattaforma per i programmi educativi per i giovani - dice Firdavs Abdukhailov -. Ai nostri ospiti che vengono qui da tutto il mondo chiediamo di insegnare e di tenere seminari, masterclass e corsi di formazione: è importante perché questi sono i giovani cineasti che produrranno i film dell'Uzbekistan di domani".

Nel corso del festival è stato presentato anche Hodja, l'ultimo progetto di animazione del regista russo-kazako Timur Bekmambetov, la cui uscita è attesa per il 2024: è la storia di un asino che si ritrova coinvolto nelle avventure del personaggio folkloristico Hodja Nasreddin. "L'Uzbekistan è storicamente un crocevia tra Cina e Europa, tra Iran e Russia dice Bekmambetov -. Il popolo uzbeko ha particolari capacità di accoglienza. Il cinema ha l'importante missione di unire le persone, di unire le culture e nel mondo di oggi è davvero importante."

"Hodja" è solo una delle circa 30 coproduzioni regionali che il festival sta aiutando a realizzare, con l'obiettivo di dare impulso all'industria cinematografica dell'Uzbekistan e della regione.