This content is not available in your region

Expo 2015: cibo e arte in mostra alla Triennale di Milano

Expo 2015: cibo e arte in mostra alla Triennale di Milano
Di Selene Verri

<p>Cibo per il corpo, ma anche per la mente.</p> <p>È l’idea dietro <a href:"http://www.triennale.org/it/mostre/incorso/3572-arts-a-foods">“Arts & Foods: Rituali dal 1851”</a>, la mostra in corso alla Triennale di Milano.</p> <p>Curata da Germano Celant e Italo Rota, l’esposizione studia il rapporto fra cibo, arte e design, inserendosi come Area Tematica nell’ambito del progetto di Expo 2015.</p> <p>Italo Rota, che si è occupato dell’allestimento, riassume così l’esperienza sensoriale della mostra: “Nella sala in cui ci troviamo passiamo dal profumo del caffè a quello del cioccolato a quello del pane, che sono poi i materiali delle opere. E quindi, tutta la mostra, oltre che coinvolgere la vista, coinvolge i cinque sensi. E questo dà anche la possibilità ai visitatori di memorizzare i temi complessi che la mostra illustra, dall’anoressia alla bulimia alla carestia, ma anche il grande piacere di una torta colorata”.</p> <p>Cibo, arte, design, ma anche storia.<br /> La mostra include infatti un pezzo eccezionale, l’Autarca. </p> <p>Brevettato nel 1936, questo tavolo progettato dal notaio genovese Angelo Fasce consentiva ai commensali di consumare il pasto senza ricorrere al personale di servizio, e quindi di criticare liberamente il regime fascista.</p> <p>Un aspetto, quello storico, sottolineato dal curatore Germano Celant: “Lo scopo della mostra è quello di avvicinare il pubblico alla complessità della storia, dal 1851, data della prima Expo mondiale, a Londra, alla Expo di oggi, del 2015, dove il tema del cibo è trattato attraverso tutti i possibili linguaggi – fotografia, cinema, letteratura, pittura, scultura, design… – in modo che il pubblico capisca una totalità del pensiero che gira intorno al nutrirsi”.</p> <p>Visitando i 7 mila metri quadri del percorso cronologico e tematico, ci si imbatte anche in film di varie epoche, quadri e opere d’arte di maestri come Warhol o Picasso, fotografie, copertine di dischi e molto altro.</p> <p>“Arts & Foods. Rituali dal 1851” sarà accessibile al pubblico alla Triennale di Milano fino al primo novembre.</p>