Cri: dopo stop alluvione, 27/e gare nazionali primo soccorso

Access to the comments Commenti
Di ANSA
7-8 ottobre a Pesaro. Per maltempo Marche 700 persone, 289 mezzi
7-8 ottobre a Pesaro. Per maltempo Marche 700 persone, 289 mezzi

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">PESARO</span>, 06 <span class="caps">OTT</span> – “Essere pronti ad intervenire in<br /> qualsiasi emergenza, perché quello che conta quando sei un<br /> Volontario della Croce Rossa Italiana (<span class="caps">CRI</span>) è riuscire a portare<br /> aiuto, sempre e comunque, anche in situazioni difficili, come<br /> nel caso dell’alluvione che ha recentemente colpito le Marche”<br /> per la quale l’associazione ha impegnato 700 unità e 289 mezzi.<br /> Con “questo spirito e con la testa e il cuore rivolti alle zone<br /> interessate dall’esondazione”, scrive la <span class="caps">CRI</span>, venerdì 7 e sabato<br /> 8 ottobre si svolgerà a Pesaro la 27/a Edizione delle Gare<br /> Nazionali di Primo Soccorso <span class="caps">CRI</span>, programmate per il 16 e 17<br /> settembre e poi rinviate a causa di questa grave crisi che ha<br /> colpito le zone limitrofe alla competizione. La gara, organizzata con supporto del Comitato regionale<br /> Marche <span class="caps">CRI</span> e del Comitato di Pesaro della <span class="caps">CRI</span>, vedrà i<br /> Volontari, divisi in 15 squadre regionali, impegnati in diversi<br /> scenari di emergenza allestiti ad hoc, sfruttando i luoghi più<br /> caratteristici della città come teatri di intervento.<br /> L’iniziativa permetterà di confrontare e valutare, in un<br /> contesto sereno ma estremamente scrupoloso, la loro<br /> preparazione. “Le vite di centinaia di persone nelle Marche sono state<br /> stravolte dall’alluvione che si è verificata nella notte tra il<br /> 15 e il 16 settembre, un’emergenza che ha strappato affetti e<br /> danneggiato gravemente case, strade, città intere. I Volontari<br /> della <span class="caps">CRI</span> – dichiarato Francesco Rocca, presidente della <span class="caps">CRI</span> – hanno lavorato senza sosta e continuano a farlo. Le Gare<br /> Nazionali di Primo Soccorso, rinviate per consentire al meglio<br /> le operazioni di soccorso, rappresentano un momento di alta<br /> formazione, quella che poi serve per operare al meglio in<br /> contesti come questo; ma anche di rilancio della nostra raccolta<br /> fondi, visto che le esigenze sono tante e non dobbiamo lasciare<br /> soli questi territori. La localizzazione dell’aiuto umanitario è<br /> un qualcosa per cui mi batto da sempre, anche a livello<br /> internazionale, visto che consente di intervenire prontamente e<br /> con corretta conoscenza delle aree di crisi in cui si opera,<br /> aumentando l’efficacia del soccorso e riducendo le sofferenze<br /> delle persone”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.