This content is not available in your region

Iran, il regime contrattacca

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Image
Image   -   Diritti d'autore  Vahid Salemi/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.   -  

Il regime iraniano ha voluto mostrare di avere il sostegno popolare questo venerdì a Teheran, dove centinaia di manifestanti hanno preso posizione a favore degli ayatollah e del velo obbligatorio alle donne. I manifestanti hanno chiesto che coloro che manifestano contro il velo siano "giustiziati".

Il presidente iraniano ha definito i manifestanti dei nemici dello Stato. Così Ebrahim Raisi: "(I nemici) vogliono cavalcare un'onda e creare rivolte e disordini. Pensano che con tali mosse possano fermare la nazione. Abbiamo annunciato molte volte che se qualcuno ha un commento giusto, lo ascolteremo. Ma l'anarchia? Disturbare la sicurezza nazionale? La sicurezza delle persone? Nessuno soccomberà a questo".

Dopo una settimana di manifestazioni per la morte della giovane Mahsa Amini, il bilancio delle vittime è salito a 26, secondo lo stesso regime.

La diaspora contro il regime

Seguendo il percorso dei loro connazionali attraverso l'Iran, dozzine di iraniani hanno protestato tagliandosi i capelli e bruciando l'hijab davanti all'ambasciata iraniana a Bruxelles.

La protesta contro il regime è stata udita anche fuori dall'ambasciata in Norvegia. La diaspora iraniana torna a scendere in strada per chiedere maggiore libertà.