This content is not available in your region

Scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Molti dei soldati ucraini liberati sono feriti o mutilati
Molti dei soldati ucraini liberati sono feriti o mutilati   -   Diritti d'autore  Alexei Alexandrov/Associated Press

Uno scambio di prigionieri tra Ucraina e Russia, il più grande dall'inizio della guerra, è stato documentato in un video pubblicato dall'intelligence militare di Kiev.

I soldati liberati

 Il presidente Volodymyr Zelenskyy ha confermato che 144 militari sono stati rilasciati dal nemico. Sorrisi e sollievo fra i soldati liberati, nonostante ferite, mutilazioni e ossa fratturate.

Come racconta uno di loro, l'emozione di tornare a casa è grande.

"Vorrei dire ai miei cari che tornerò presto da loro. Sinceramente, sono sopraffatto dalle emozioni. Guidare è stato molto difficile perché è il secondo tentativo di tornare a casa e la prima volta non è andata bene. Per tutto il tempo durante il viaggio, pensavo che qualcosa sarebbe andato storto e saremmo tornati in prigione".

95 dei soldati ucraini liberati sono stati coinvolti nella difesa dell'acciaieria Azovstal a Mariupol e molti di loro hanno riportato gravi danni, comprese ustioni e amputazioni. Come contropartita per i 144 soldati, sono stati consegnati dal governo di Kiev altrettanti militari russi.

Continuano i bombardamenti

Nel frattempo, almeno quattro persone sarebbero state uccise e cinque ferite da un attacco missilistico russo su un edificio residenziale nella città di Mykolaiv, nell'Ucraina meridionale e un palazzo di quattro piani è stato in parte distrutto.

Mosca ha ammesso il raid sulla città, ma ha rivendicato di aver colpito una base di addestramento per "mercenari stranieri" nella regione.

Bombardamenti anche sulla città di Lysychansk, dove restano al momento circa 15mila persone.