This content is not available in your region

Nessuna 'sorveglianza' per il rapper Baby Gang, 'fa musica'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Giudici bocciano istanza,'non è modello ma c'è liberta pensiero'
Giudici bocciano istanza,'non è modello ma c'è liberta pensiero'

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">MILANO</span>, 30 <span class="caps">GIU</span> – L’offerta “di un prodotto musicale<br /> ritenuto difforme dai modelli auspicabili resta coperto dal<br /> diritto fondamentale di manifestazione del pensiero e può essere<br /> accostata ad una misura di prevenzione personale solo se<br /> connessa alla consumazione abituale di delitti, di cui mancano<br /> gli estremi”. E’ solo uno dei passaggi con cui il Tribunale di<br /> Milano ha respinto una nuova richiesta di “sorveglianza<br /> speciale” per un anno per il rapper 21enne Baby Gang, nome<br /> d’arte di Zaccaria Mouhib, molto noto alle cronache nell’ultimo<br /> periodo, “sotto contratto da parte di una major musicale” con<br /> guadagni milionari e “circa 800mila follower sui social<br /> network”. E’ la seconda volta, dopo lo scorso marzo, che la Sezione<br /> misure di prevenzione del Tribunale milanese boccia una<br /> richiesta di questo genere da parte della Procura, spiegando che<br /> il giovane non è “socialmente pericoloso”, anche perché “il suo<br /> certificato penale riporta l’unico precedente per fatti commessi<br /> all’età di 15 anni”. I giudici Rispoli-Cernuto-Pontani,<br /> accogliendo le tesi difensive del legale Niccolò Vecchioni,<br /> smontano uno ad uno i nuovi elementi portati dall’accusa per<br /> chiedere la misura, tra cui una presunta resistenza a pubblico<br /> ufficiale “nell’aprile di quest’anno” quando venne fermato per<br /> un controllo assieme ad un amico. Quest’ultimo è già stato<br /> processato e assolto e, dunque, una sentenza “ha stabilito<br /> l’insussistenza del fatto”. Tra l’altro, scrivono i giudici, “il livello dei controlli” a<br /> cui il 21enne è sottoposto porta ad “escludere che questi sia<br /> attualmente coinvolto nell’uso delle armi, negli spacci e nelle<br /> violenze di cui tratta nelle canzoni”. E non basta contestargli,<br /> aggiungono, “atteggiamenti ‘sfidanti’” di cui si parla<br /> nell’istanza di misura. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.