This content is not available in your region

Controlli Nas in province Emilia, sequestrati 470 kg alimenti

Access to the comments Commenti
Di ANSA
A Parma, Piacenza, Modena e Reggio Emilia. Sospese due attività
A Parma, Piacenza, Modena e Reggio Emilia. Sospese due attività

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">BOLOGNA</span>, 28 <span class="caps">MAG</span> – E’ di 470 chilogrammi di alimenti<br /> sequestrati e due attività sospese, il bilancio di una serie di<br /> controlli svolti dai Carabinieri del Nas di Parma nelle province<br /> di Parma, Piacenza, Modena e Reggio Emilia dove sono stati<br /> ispezionati numerosi esercizi commerciali di vendita e<br /> somministrazione di alimenti. In nove strutture sono state<br /> riscontrate irregolarità – che, in due casi, hanno comportato la<br /> sospensione delle attività commerciali – per le quali sono state<br /> comminate sanzioni amministrative per un importo complessivo di<br /> 14.440 euro. In particolare a Piacenza, presso una macelleria, i militari hanno sequestrato 181 chilogrammi di tranci di carne di agnello<br /> congelata, dal valore di circa 2.000 euro, rinvenuti in cattivo<br /> stato di conservazione. Nel corso del controllo sono state anche<br /> rilevate carenze igienico-sanitarie: nei confronti del titolare<br /> della macelleria è scattata una denuncia in stato di libertà per<br /> il cattivo stato di conservazione degli alimenti. Nel Piacentino, ancora, presso un ristorante sono stati<br /> sottoposti a sequestro 27,5 chilogrammi di alimenti vari privi<br /> di indicazioni sulla rintracciabilità e sono state riscontrate<br /> carenze igienico-sanitarie in cucina: al titolare sono state<br /> comminate sanzioni per 3.000 euro. Per le carenze igieniche<br /> l’Ausl di Piacenza ha sospeso l’attività di ristorazione sino al<br /> totale ripristino di condizioni idonee. A Reggio Emilia presso un bar-tavola calda, sono stati<br /> sequestrati 16 chilogrammi di alimenti poiché scaduti e sono<br /> state riscontrate carenze igienico-sanitarie dovute a sporcizia<br /> e presenza di blatte. L’Ausl di Reggio Emilia ha emesso un<br /> provvedimento di sospensione dell’attività fino al ripristino di<br /> condizioni idonee mentre nei confronti del titolare<br /> dell’attività sono state comminate sanzioni amministrative per<br /> 3.440 euro. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.