This content is not available in your region

L'Esercito Popolare paraguaiano, l'incubo della provincia di Concepción

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews - AP
euronews_icons_loading
Guerriglia in Paraguay.
Guerriglia in Paraguay.   -   Diritti d'autore  Enrique Zarza/AP

Guerriglia in Paraguay.

Con poche decine di combattenti, il gruppo guerrigliero dell'Esercito Popolare Paraguaiano (EPP) terrorizza da 14 anni i residenti della provincia di Concepción, in Paraguay, al confine con il Brasile, dove ci sono ricchi allevamenti di bestiame, poche strade asfaltate e la presenza di trafficanti di droga è una cosa di tutti i giorni.

Per troppo tempo l'EPP è stato liquidato dal governo paraguaiano come un gruppo insignificante, una sorta di clan famigliare, niente di più, ma per gli abitanti di Concepción è un incubo

"Praticamente ci conviviamo insieme", spiega Domingo Savio Ovelar, il parroco di Yby-Yaú, cittadina della provincia di Concepción, "e non ci rendiamo conto che all'improvviso si scatena l'ondata di violenza... Qui non riusciamo più a distinguere chi è un trafficante di droga, chi è un sicario o chi ha un pensiero estremista".

Screengrab by AFP video
"All'improvviso si scatena la violenza"...Screengrab by AFP video

Dal 2008 l'Esercito Popolare Paraguaiano è accusato di 74 omicidi tra civili, militari e poliziotti.

Ora le ricerche dei membri del gruppo criminale sono finalmente prese sul serio anche dal governo del presidente Mario Abdo Benitez. 

Jorge Saenz/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Il presidente paraguaiano Mario Abdo Benitez (a sinistra) con il presidente dell'Uruguay Luis Lacalle Pou. (Asuncion, 14.5.2022)Jorge Saenz/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Oltre agli assassini, sono molti i paraguaiani sequestrati e mai tornati. É il caso dell'agente di polizia Edelio Morinigo, rapito 8 anni fa.

"Dicono di voler aiutare i poveri, di essere a favore dei poveri. Ma danneggiano sempre i poveri. Non siamo ricchi, siamo poveri. Siamo lavoratori, siamo umili.
Hanno portato via il figlio di una famiglia povera".
Obdulia Florenciano
Mamma di un agente di polizia rapito

Racconta la madre, Obdulia Florenciano
"Si sono addentrati nella boscaglia e lì sono stati circondati da quelli dell'EPP. Poi hanno afferrato mio figlio e gli hanno detto: sei un poliziotto, sei un prigioniero, vieni con noi. Non l'ho più visto. 
Sul posto hanno lasciato molti opuscoli e hanno scritto che mio figlio era un prigioniero di guerra e hanno chiesto allo Stato di rilasciare sei loro membri che sono in carcere". 

Screengrab by AFP video
"Da 8 anni non ho più notizie di mio figlio".Screengrab by AFP video

Da anni l'EPP propone di scambiare i sequestrati con due dei suoi principali leader: Alcides Oviedo, 52 anni, e Carmen Villalba, 50 anni, detenuti ad Asunción e coinvolti nel 2004 nel rapimento e nell'omicidio di Cecilia Cubas, figlia dell'ex presidente Raúl Cubas.

Oviedo, condannato a 40 anni di carcere, ha sposato Villalba nel 2006, quando entrambi erano già in prigione, ma la coppia si è separata nel 2019. I due hanno una figlia di 15 anni, scomparsa durante uno scontro con l'esercito nel 2020.

Anche due bambine di 11 e 12 anni, Lilian e María Carmen, di nazionalità argentina e nipoti di Carmen Villalba, sono rimaste uccise nell'attacco.

Carmen Villalba ha scontato una prima condanna a 18 anni per sequestro di persona lo scorso anno, ma la sua pena è stata estesa di altri 17 anni per il tentato omicidio di tre poliziotti.
Suo fratello Osvaldo Villalba è alla guida della guerriglia. Un'altra sorella, Laura, è stata arrestata nel 2021 e condannata per terrorismo.

Da un punto di vista ideologico, l'EPP è un'emanazione del movimento politico di sinistra radicale Patria Libre, creato negli anni '90 dopo la caduta della dittatura di Alfredo Stroessner, in carica come presidente del Paraguay dal 1954 al 1989..