This content is not available in your region

Ramelli: corteo finito con rito 'presente' e saluto romano

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Manifestazione aperta da striscione 'onore ai camerati caduti'
Manifestazione aperta da striscione 'onore ai camerati caduti'

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">MILANO</span>, 29 <span class="caps">APR</span> – Si è concluso in via Paladini, con<br /> il rito del ‘presente’ e il saluto romano, il corteo milanese in<br /> onore di Sergio Ramelli, il giovane militante del Fronte della<br /> Gioventù ucciso nel 1975 da un gruppo di esponenti di estrema<br /> sinistra legati ad Avanguardia Operaia. Circa mille persone,<br /> partite da via Gorini, hanno camminato ‘schierate’ con le<br /> fiaccole accese ai lati della folla, passando per via Aselli,<br /> via Amadeo fino ad arrivare in via Paladini, dove Ramelli era<br /> stato aggredito il 13 marzo. Il giovane, a causa dei traumi<br /> riportati, morì un mese e mezzo dopo, il 29 aprile. Sotto casa di Ramelli il consueto rito della chiama, con i<br /> manifestanti che hanno ripetuto tre volte “presente” in onore<br /> del “camerata Sergio Ramelli”. Tutta la manifestazione è stata<br /> accompagnata da un grande silenzio. In testa al corteo l’unico<br /> striscione con la scritta ‘onore ai camerati caduti’. Non<br /> c’erano bandiere di partiti di estrema destra né tamburi.<br /> Presente un folto gruppo – circa 100 persone – di Lealtà e<br /> Azione. I militanti hanno concluso la commemorazione dopo il<br /> grido “rompete le righe”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.