This content is not available in your region

Ucraina: a Przemyśl (Polonia) opera della street artist Lai

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Dal titolo "Come with me - all refugees welcome"
Dal titolo "Come with me - all refugees welcome"

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 22 <span class="caps">APR</span> – Una donna rifugiata ucraina che fugge<br /> insieme al suo bambino dalla guerra e porta con sé una rifugiata<br /> siriana ed una bambina africana: è la nuova opera della street<br /> artista Laika, realizzata la notte tra il 21 e il 22 aprile e<br /> affissa a Przemyśl, città polacca al confine con l’Ucraina, uno<br /> dei luoghi simbolo dell’accoglienza di un paese che dal punto di<br /> vista umanitario presenta però enormi contraddizioni. Si chiama <br /> “Come with me – all refugees welcome” ed è dedicata, spiega<br /> l’artista, “ad Andrea Costa, di Baobab Experience, e a tutti<br /> coloro sotto processo perché salvano vite”. “Non ho affisso quest’opera – spiega l’autrice in una nota – per fare sterile polemica. Ogni poster affisso in zone di<br /> confine, come quello bosniaco, sono un appello.Lo rivolgo alle<br /> istituzioni europee e ai singoli governi: chi fugge da un<br /> conflitto, da miseria, disastri naturali e violazioni dei<br /> diritti umani ha lo stesso diritto di essere accolto ed inserito progressivamente nella società.<br /> Ne siamo capaci, adesso abbiamo le prove. Applichiamo un<br /> principio fondamentale, quello dell’uguaglianza”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.