This content is not available in your region

Leroy-Merlin, guerra commerciale: l'azienda francese resta in Russia ma esplode la polemica

Access to the comments Commenti
Di Euronews
 Leroy-Merlin, guerra commerciale: l'azienda francese resta in Russia ma esplode la polemica
Diritti d'autore  /Euronews   -  

A inizio di questa settimana, un missile russo ha distrutto un enorme centro commerciale a Kiev, uccidendo diverse persone. L'edificio è stato ridotto in cenere, e con esso diversi negozi, tra cui Leroy-Merlin. La catena francese di bricolage è stata poi criticata per aver rifiutato di bloccare l'attività in Russia.

Un deputato ucraino, Oleksiy Goncharenko, si è filmato in mezzo alle macerie per "cercare di influenzare la decisione del gruppo di continuare a pagare le tasse in Russia e quindi sostenere la guerra". Sull'account Instagram dell'azienda in Ucraina, i dipendenti hanno lanciato una petizione che chiede di "fermare le vendite in Russia".

Silenzio totale da parte del gruppo. Il suo proprietario, l'associazione familiare Mulliez, possiede molti marchi, tra cui i supermercati Auchan, che sono ben presenti in Russia.

Va sottolineato che la Francia è il principale datore di lavoro straniero nel paese. E altre aziende sono state individuate: Sanofi, Danone o la casa automobilistica Renault. Sui social network, alcuni chiedono il boicottaggio. La pressione è particolarmente forte su Totalenergie. "Contribuisce a finanziare la macchina da guerra del Cremlino" è l'accusa mossa qualche giorno fa dal deputato europeo Raphael Glucksmann. Oggi, il ceo del gigante francese del petrolio e del gas dice che non può fare a meno del gas russo, ma si è impegnato a smettere di comprare prodotti petroliferi russi al più tardi entro la fine dell'anno.