This content is not available in your region

Vaccini:Figliuolo, 3/a dose altre categorie dopo ok Cts

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Scienziati dicono che la linea d''età dovrebbe essere a 65 anni,
Scienziati dicono che la linea d''età dovrebbe essere a 65 anni,

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">TREVISO</span>, 20 <span class="caps">SET</span> – Non si dovrà attendere molto per<br /> la terza dose della vaccinazione agli ultraottantenni e ai<br /> sanitari. La previsione è del Commissario Straordinario per<br /> l’Emergenza Covid, gen. Francesco Paolo Figliuolo, che aspetta<br /> “cosa dice la comunità scientifica. Molti scienziati stanno<br /> dicendo che la linea d’‘età dovrebbe essere attorno ai 65 anni, <br /> però ci sono delle nazioni come Israele che stanno facendo<br /> terze dosi per tutte le età partendo ovviamente con un criterio<br /> di progressività. Questo modello noi non l’abbiamo adottato in<br /> questo momento , ma nei prossimi giorni si darà presumibilmente<br /> il via libera”. Figliuolo ha anticipato che questa settimana ci sarà appunto<br /> una riunione del Cts nella quale verranno date le indicazioni su<br /> come procedere. Il generale stamane era al centro vaccinale di<br /> Villorba, accolto dal presidente Veneto, Luca Zaia, per<br /> presenziare alla partenza nella regione per la somministrazione<br /> della terza dose a cui sono interessate, in questa prima fase,<br /> persone portatrici di situazioni ad alto rischio, come malati<br /> oncologici, trapiantati o in attesa di trapianto,<br /> immunodepressi. Figliuolo si ritiene “contento come va<br /> l’afflusso in Italia dove si registrano 41 milioni di persone<br /> vaccinate, circa il 76% degli over 12. E’ un bel risultato – ammette – si va avanti, abbiamo visto un incremento delle<br /> prenotazioni e nei prossimi giorni vedremo se questo trend sarà<br /> consolidato. Faccio un appello a quelli che sono un po’<br /> diffidenti, che attendono, di informarsi chiedendo al proprio<br /> medico, agli infermiere che stanno nelle corsie degli ospedali,<br /> a chi ha visto la sofferenza del Covid . Abbiamo avuto oltre 130<br /> mila morti per il Covid e ci sono persone che portano ancora<br /> adesso sulla propria pelle i segni del virus”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.