ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

UE: i dazi pesano sulla crescita economica

Lettura in corso:

UE: i dazi pesano sulla crescita economica

UE: i dazi pesano sulla crescita economica
Dimensioni di testo Aa Aa

La Commissione Europea, con la pubblicazione a Bruxelles delle sue previsioni economiche d’estate, ha fatto il punto sulla situazione della Zona Euro, alle prese con dazi e un contesto segnato da un leggero rallentamento della ripresa a livello mondiale.

La crescita dovrebbe restare forte nel 2018 e nel 2019, con tassi del 2,1% quest'anno e del 2% il prossimo anno nell’Unione.

Il rischio principale per la crescita economica europea non sarebbe soltanto rappresentato dall’ introduzione di misure protezionistiche nel commercio internazionale, ha sottolineato il Commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici, ma scaturirebbe anche dal clima di grave incertezza politica che accomuna oggi diversi paesi membri dell’Unione e dall’aumento del prezzo del petrolio.

Se, al momento, la crescita in Europa è destinata a rimanere resiliente, Moscovici ha ricordato che nelle guerre commerciali non ci sono vincitori, ma solo vittime. A dare un po’ di fiato ci pensa Valdis Dombrovskis, Vicepresidente responsabile per l’Euro, secondo il quale l’attività economica europea resta solida ma, mai come in questo momento non si deve abbassare la guardia. Come dire che le crescenti tensioni commerciali stanno influenzando negativamente la fiducia e gli indicatori

Intanto sempre secondo le previsioni economiche di Bruxelles, l’Italia resta ultima in classifica. Bene Polonia e Spagna. Frena invece il mercato della Germania.

La crescita dovrebbe riprendere un po' di slancio nella seconda metà di quest'anno, in un contesto in cui le condizioni del mercato del lavoro dovrebbero migliorare e l'indebitamento delle famiglie calare.