ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania: Beate Zschaepe condannata all'ergastolo

Lettura in corso:

Germania: Beate Zschaepe condannata all'ergastolo

Germania: Beate Zschaepe condannata all'ergastolo
Dimensioni di testo Aa Aa

E' arrivata questo mercoledì una delle sentenze più attese in Germania. Beate Zschaepe, ultima leader della cellula terroristica neonazista Nsu, è stata condannata all'ergastolo.

La donna, 43 anni, è stata riconosciuta colpevole dei dieci omicidi a sfondo razziale commessi dalla cellula tra il 2000 ed il 2007, di due attentati e di diverse rapine. Il verdetto dell'Alto tribunale regionale di Monaco è arrivato al termine di un processo durato cinque anni.

Attivo tra il 1997 ed il 2011, l'Nsu era stato fondato da Uwe Boehnhardt e Uwe Mundlos. Polizia e intellegence tedesca hanno impiegato anni per fare luce sui delitti commessi dalla banda, responsabile degli omicidi di nove migranti greci e turchi e di una poliziotta.

La verità sul gruppo e sulla radice di estrema destra dietro ai reati è cominciata ad emergere solo dopo la morte nel 2011 dei due fondatori, che stando gli inquirenti si sono tolti la vita dopo una rapina andata male, per il timore di essere scoperti.

Secondo i giudici la Zschaepe, che si è rifiutata di parlare nella maggior parte delle udienze, ha collaborato con la cellula terroristica ed è stata complice di omicidi e attentati. Assieme alla donna sono stati condannati anche quattro uomini, ritenuti parte del gruppo: Ralf Wohlleben, Carsten Schultze, André Eminger e Holger Gerlach.

Wohlleben è stato condannato a 10 anni di prigione per concorso in omicidio. Gli avvocati potranno impugnare la sentenza e chiedere la revisione davanti alla Corte federale.