ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Armenia, Pashinyan: "Urge un nuovo Governo"

Lettura in corso:

Armenia, Pashinyan: "Urge un nuovo Governo"

Armenia, Pashinyan: "Urge un nuovo Governo"
Dimensioni di testo Aa Aa

Manca davvero poco alle elezioni che potrebbero cambiare storia e condizioni dell'Armenia, la cui popolazione da giorni si riversa nelle piazze in segno di protesta.

Euronews ha intervistato in esclusiva il leader dell'opposizione armena, Nikol Pashinyan, capo dell'opposizione armena che si avvia a diventare il nuovo Premier del Paese caucasico.

APOSTOLOS STAIKOS, EURONEWS:

Sembra che questa sia la fine della battaglia politica e lei è il vincitore: come si sente?

NIKOL PASHINYAN, LEADER OPPOSIZIONE, dice:

"Penso che il popolo sia il vincitore, la gente che sostiene le nostre idee: abbiamo bisogno di cambiamenti, di un nuovo Governo".

Euronews:

Cosa farà per ottenere l'appoggio del Partito Repubblicano?

Nikol Pashinyan:

"Penso che la domanda dovrebbe rivolgerla a loro: valuteranno la situazione politica e faranno le giuste considerazioni".

Euronews:

Mercoledì dovrebbe diventare il prossimo Primo Ministro dell'Armenia: quali saranno le sue priorità?

Nikol Pashinyan:

"La prima è la preparazione di elezioni anticipate in Armenia veramente libere, lecite e democratiche: dovremmo farle al più presto, ma comprendiamo anche che dovremmo raggiungere una sorta di accordo con altri partiti politici in riferimento a queste elezioni.

Lo ripeto, dovremmo avere elezioni il più presto possibile, ma dobbiamo raggiungere un accordo con gli altri partiti".

Euronews:

Cosa succede se il partito repubblicano dice di no al sostegno, perché non credono nel suo progetto? Cosa farà?

Nikol Pashinyan:

"Penso che la nostra gente non accetterebbe altra soluzione: vogliono vedere il loro candidato diventare il primo ministro dell'Armenia e questo obiettivo deve essere portato a compimento".

Apostolos Staikos:

Ha parlato con il Cremlino, con Mosca?

Nikol Pashinyan:

"Ho incontrato una delegazione russa nel nostro Parlamento, abbiamo avuto negoziati e colloqui molto positivi".