ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I giovani e l'Armenia: "Siamo pronti per una svolta"

Lettura in corso:

I giovani e l'Armenia: "Siamo pronti per una svolta"

I giovani e l'Armenia: "Siamo pronti per una svolta"
Dimensioni di testo Aa Aa

Vita di tutti i giorni a Erevan

Dopo due settimane di manifestazioni, il centro di Erevan, la capitale dell'Armenia, sembra riacquistare il suo ritmo normale.

C'è chi si gode una tazza di caffè, mentre altri scelgono di passare un po' di tempo al parco, con il sottofondo musicale.

La "musica" del futuro dell'Armenia

Mayarpi, Styopa e Gevorg sono giovani musicisti. Hanno rispettivamente 23, 23 e 18 anni.
Due volte alla settimana si incontrano qui al parco e suonano. E, intanto, cercano di capire cosa sta accadendo nel loro paese.

"La nostra società sta cambiando", spiega Mayarpi Bazikyan, insegnante di musica. "I giovani sognano una vita diversa. Siamo determinati a cambiare le nostre vite. Abbiamo bisogno di posti di lavoro, giustizia e basta corruzione. Vogliamo rimanere In Armenia".

Mayarpi Bazikyan durante l'intervista a Euronews.

Arpine Ervandyan, 26 anni, produce le sue sciarpe e le vende al mercatino delle pulci nei fine settimana. Comprende perchè molti giovani se ne sono andati dall'Armenia.

"Hanno lasciato il paese, perché non sono riusciti a trovare lavoro qui", dice Arpine Ervandyan. "Hanno studiato per molti anni, ma ancora non sono riusciti a trovare un lavoro".

Le magliette di Pashinyan

Accanto al parco, i cittadini di Erevan e i turisti visitano il famoso mercato Vernissage, tra bambole tradizionali, antichità e t-shirt dedicate a Nikol Pashinyan, l'uomo nuovo, l'uomo dell'opposizione, il capopopolo delle manifestazioni diqueste settimane.

Un gadget ricercatissimo a Erevan: la maglietta di Nikol Pashinyan.

"Corruzione e alta disoccupazione. Questo è quello che dice la maggior parte della gente, quando chiedi loro cosa c'è dietro a questa rivolta sociale", commenta l'inviato di Euronews, Apostolos Staikos. "Al di là delle battaglie politiche e dei leader ambiziosi, come l'emergente Pashinyan, gran parte della società armena si sente trascurata a margine e questo è qualcosa che gli armeni non possono più sopportare".

Reuters/Gleb Garanich
Giovani armeni in strada e Erevan.Reuters/Gleb Garanich