ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Air France: in appello per una camicia strappata

Lettura in corso:

Air France: in appello per una camicia strappata

L'aggressione ai due quadri di Air France del 5 ottobre 2015
Dimensioni di testo Aa Aa

A processo per una camicia strappata. Dodici fra dipendenti ed ex dipendenti di Air France sono da oggi sul banco degli imputati, per l'aggressione a due quadri della compagnia, perpetrata il 5 ottobre del 2015, durante una manifestazione contro il pianificato taglio di 2.900 posti di lavoro. L'allora direttore delle risorse umane Xavier Broseta e l'ex responsabile delle lunghe tratte, Pierre Plissonnier, avevano dovuto fuggire dalla folla inferocita, sotto la scorta della polizia. Poi licenziati, tre dei partecipanti all'aggressione erano stati condannati in primo grado a quattro mesi di carcere con la condizionale. L'assoluzione di un quarto è stata invece oggetto di appello.

La manifestazione dell'ottobre 2015, durante la quale furono aggrediti i due quadri di Air France

"Adeguamento dei salari". Dai sindacati un nuovo appello allo sciopero per il 23 marzo

Il nuovo processo interviene in un contesto di risanamento della compagnia: i sindacati che allora manifestavano contro i tagli rivendicano ora un adeguamento degli stipendi e lanciano un appello allo sciopero per il 23 marzo.

La piattaforma intersindacale di Air France invita a un nuovo sciopero", twitta il quotidiano Le Monde, che nel sottotitolo del suo pezzo ricorda: "In occasione del precedente sciopero, il 22 febbraio, la compagnia aerea aveva dovuto cancellare la metà dei voli"