ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iran, Siria, Israele: rischio d'escalation

Lettura in corso:

Iran, Siria, Israele: rischio d'escalation

Iran, Siria, Israele: rischio d'escalation
Dimensioni di testo Aa Aa

Il drone iraniano in ricongnizione su Israele, l'abbattimento da parte della contraerea siriana di un F16 israeliano di ritorno dai bombardamenti su postazioni iraniane e siriane concentrate in Siria, segnano una nuova fase del confronto in Medio Oriente.

L'aereo faceva parte di una squadriglia andata a punire l'invasione dello spazio aereo israeliano da parte del drone poi abbattuto nei pressi di Bet Shean in Galilea.

Benjamin Netanyahu, Premier di Israele: "Ho avvertito da tempo sul pericolo di un Iran che si è asserragliato militarmente in Siria. L'Iran cerca di usare il territorio siriano per attaccare Israele, per il suo dichiarato obiettivo di distruggere Israele. L'Iran ha sfacciatamente violato la sovranità di Israele."

Netanyahu ha aggiunto che Israele "desidera la pace" ma sa difendersi.  Lo scenario è quindi quello di un Iran ormai dichiaratamente presente sui confini di Israele che tenta di saggiare le capacità di reazione dell'aviazione di Tel Aviv e la necessità d'Israele di mantenere la supremazia. Tutti comunque vogliono evitare l'escalation.

Il premier Israeliano ha precisato che "il coordinamento con l'esercito russo" sulla Siria "continuerà" ed è questa l'unica nota veramente distensiva della situazione in corso.

Migliorano intanto le  condizioni del pilota israeliano seriamente ferito dopo aver azionato il dispositivo di espulsione del seggiolino per abbandonare l'aereo colpito dalla contraerea siriana. Il suo copilota potrebbe essere dimesso dall'ospedale in poche ore.

Dura è stata invece la reazione del movimento libanese Hezbollah filo-iraniano ai bombardaenti israeliani in Siria. "L'abbattimento del caccia nemico, segna una nuova fase strategica" e un "cambio degli equilibri" nella regione, recita un comunicato affidato alla tv al Manar: l'operazione è ritenuta un modo per indicare un "limite alle scorribande nei cieli e nei territori siriani".

Il movimento sciita che da sempre condanna quelle che definisce le interferenze israeliane alla crisi dell'area, elogia quindi l'esercito siriano per aver respinto "con coraggio" gli aerei israeliani e abbattuto il caccia F16 con la 'stella di David'.