ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia tossica: 7 milioni di italiani respirano smog

Lettura in corso:

Italia tossica: 7 milioni di italiani respirano smog

Italia tossica: 7 milioni di italiani respirano smog
Dimensioni di testo Aa Aa

Sette milioni di italiani respirano gas nocivi, polveri sottili e ozono fino a quasi sei mesi l'anno. E' quello che emerge dalla classifica 'Ozono ti tengo d'occhio', messa a punto da Legambiente nel nuovo rapporto sulla qualità dell'aria intitolato 'Mal'Aria 2018'. Sommando i giorni d'inquinamento pesante da polveri sottili (PM10) e quelli in cui il tasso di ozono raggiunge i picchi si evince che la popolazione residente esposta è di 7 milioni di abitanti.

Per questo la Commissione Europea ha convocato i ministri dell’ambiente di 9 Stati membri (Repubblica Ceca, Germania, Spagna, Francia, Italia, Ungheria, Romania, Slovacchia e Regno Unito) che hanno a carico diverse procedure di infrazione per il superamento dei limiti concordati di inquinamento atmosferico.

I tassi limite di ozono in Europa secondo i dati del 2015 spiccano soprattutto nella Pianura Padana e in Polonia. Legambiente riporta inoltre anche per l'Italia la classifica recente dei superamenti di ozono: le città italiane che nel 2017 hanno superato il limite di ozono (25 giorni nell'anno solare) sono 44.

Maglia nera Cremona con 178 giorni di inquinamento rilevato (105 per le polveri sottili e 73 per l’ozono), seguita da Pavia (167) e Lodi, Mantova e Monza con 164 giorni di inquinamento totale. Poi ci sono Asti (162), Milano (161) e Alessandria (160). Fra queste 31 città, 28 superano i 100 giorni d' inquinamento e 16 superano i 150 giorni.

L’incontro a Bruxelles offre agli Stati convocati, e quindi all’Italia, la possibilità di dimostrare quali misure sono state messe in campo negli ultimi anni e quali ulteriori provvedimenti verranno intrapresi nel prossimo futuro per riportare, senza indugio e senza ulteriori ritardi, la situazione attuale alla conformità con la legislazione europea.

L'urgenza è quella di formulare e varare nuovi modelli di produzione e consumo che riqualifichino la qualità dell'aria e mettano l'insieme dell'Europa sulla via di uno sviluppo realmente sostenibile.