ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Medico polacco da 40 anni negli States rischia il rimpatrio

Lukasz Niec è arrivato in America a 5 anni non parla neanche più la lingua madre. È stato arrestato e rischia il rimpatrio per due reati minori commessi da adolescente: rischi che corrono gli immigrati senza cittadinanza come Niec.

Lettura in corso:

Medico polacco da 40 anni negli States rischia il rimpatrio

Dimensioni di testo Aa Aa

È un martedì pomeriggio qualunque, Lukasz Niec è nella sua casa del Michigan con le due figlie; non un avviso non un sospetto: all'improvviso arrivano gli agenti e lo portano in prigione in manette

Iwona Niec-Villaire, sua sorella, racconta la storia della famiglia: "Nel 1979, i miei genitori, entrambi medici, hanno lasciato la Polonia con due valigie e due bambini piccoli, mio fratello aveva 5 anni e io 6: sono venuti qui per dare una vita migliore per i loro figli". Da allora Niec ha sempre vissuto negli Stati Uniti; ora l'Homeland security l'ha imprigionato minacciando di rispedirlo in Polonia. Perché? Per due reati minori commessi quando era adolecente "Questi reati erano solo quel tipo di fatti da cui si impara quando si è giovani - dice la sorella - Non può tornare in Polonia, un Paese che non conosce, dove non ha famiglia; entrambi i nostri genitori sono morti negli Stati Uniti: lì lui non conosce nessuno, non saprebbe nemmeno dove andare".

Colpe di Niec una lite dopo un incidente d'auto da adolescente e un altro reato minore anche cancellato dalla sua fedina penale. Ma Niec non è cittadino statunitense, è pur sempre un immigrato con la green card e secondo la legge finché non si è in possesso della cittadinanza qualsiasi tipo di crimine, anche il più insignificante, può essere motivo di deportazione nel Paese d'origine.

L'arresto di Niec, medico, marito e padre di due figlie, arriva mentre l'amministrazione Trump è nell'occhio del ciclone per le politiche sui migranti, con quella frase del presidente Trump, "non voglio gente che venga da cesso di Paesi" che ha scatenato reazioni idignate nelle piazze e nelle cancellerie di mezzo mondo e il dibattio sui dreamers: i migranti minori irregolari che Obama volle proteggere con visti e su cui Trump vuole una stretta.