ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Duetto Macron/Erdogan in salsa italiana a Parigi

Lettura in corso:

Duetto Macron/Erdogan in salsa italiana a Parigi

Dimensioni di testo Aa Aa

Torna a bussare alla porta d'Europa il Presidente turco Erdogan. Lo fa a Parigi col primo incontro bilaterale franco/turco dall'epoca del mancato putsch 2016.

All'Eliseo, in un clima di distensione construttiva anche davanti alle differenze di fondo il padrone di casa francese ha sottolineato le necessarie prospettive di collaborazione con Ankara ma ha ribadito che "le nostre democrazie devono essere forti contro il terrorismo perchè la legittimità dello stato riposa nel proteggere i concittadini e allo stesso tempo le democrazie devono completamente rispettare, lo stato di diritto".

Recep Tayyip Erdogan ha un disperato bisogno d' Europa ed evoca le decine di dossier aperti con l'Unione ma le questioni dei diritti umani sono gravi e suscitano in Francia palesi critiche da destra, sinistra, da Reporter Sans Frontières. Non soddisfano le sue assicurazioni sulle questioni dei diritti umani perchè si limita a dire che la giustizia in Turchia risponde solo a sè stessa e non ci sono ingerenze.

Macron ha quasi difeso l'ospite quando un giornalista francese in sala gli ha chiesto spiegazioni sulla porosità della frontiera fra Siria e Turchia con quest'ultima che garantisce il transito di armi. Erdogan stizzito ha quasi accusato il giornalista di essere dalla parte dei terroristi e gli ha consigliato di chiedere spiegazioni anche agli USA che hanno spedito tonnellate di armamenti in Siria.

Leggendola in filigrana la conferenza stampa di oggi all'Eliseo potrebbe anche alludere alla soluzione della crisi diplomatica con la detenzione in Turchia dei giornalisti francesi Mathias Depardon e Loup Bureau.

Insomma mediazioni non facili all'ombra dell'incombere di complicate relazioni euroatlatiche, tuttavia Macron ed Erdogan sono sulla stessa lunghezza d'onda davanti alla provocazione del  Presidente USA Donald Trump che contro il diritto internazionale ha dato la sua benedizione per una Gerusalemme capitale d'Israele.

Intanto proprio oggi a Parigi si è rafforzata la cooperazione per la difesa tra Turchia, Italia e Francia (all'Eliseo era presente anche l'Ambasciatore Italiano a Parigi Magliano). Il governo turco ha assegnato al consorzio franco-italiano Eurosam un contratto di 18 mesi per lo sviluppo di un missile a lunga gittata e di un sistema di difesa aerea antimissile, inoltre sono stati venduti alla Turchia 25 airbus...business e diplomazia nell'incerto cammino della contemporaneità.