ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sesso e spie: Weinstein assoldò ex agenti del Mossad

Il produttore americano per mettere a tacere le accuse di molestie sessuali nei suoi confronti ha ingaggiato ex spie. L'ex premier israeliano Barak ammette di avergli passato i contatti

Lettura in corso:

Sesso e spie: Weinstein assoldò ex agenti del Mossad

Dimensioni di testo Aa Aa

Potrebbe sembrare la trama di un suo film, invece è realtà e stavolta il protagonista è il produttore americano in persona; Harvey Weinstein quando a Hollywood hanno iniziato ad emergere le prime accuse di molestie sessuali contro di lui, ha ingaggiato ex agenti del Mossad per mettere tutto a tacere e un’avvocatessa, da lui assoldata, si sarebbe incontrata quattro volte con un’attrice pressandola per avere informazioni sul caso.
Le rivelazioni sono del New Yorker, a firma di Ronan Farrow, figlio di Mia Farrow. (Leggi qui l’articolo)
Nel caso, che potrebbe presto volgere all’incriminazione formale e forse all’arresto di Weinstein, entra anche l’ex premier israeliano Ehud Barak che ha confermato di aver messo in contatto Weinstein con ex agenti del Mossad evadendo una richiesta del produttore; richiesta di cui, però, ha precisato di ignorare i motivi.