ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un treno dedicato ad Anna Frank e nuovi adesivi antisemiti, polemica in Germania

Deutsche Bahn costretta a scusarsi e a riconsiderare l'ipotesi di dedicare un treno ad alta velocità alla diarista simbolo dell'Olocausto. A Düsseldorf e Lipsia sono apparsi nuovi sticker che emulano il gesto dei tifosi della Lazio

Lettura in corso:

Un treno dedicato ad Anna Frank e nuovi adesivi antisemiti, polemica in Germania

Dimensioni di testo Aa Aa

La memoria di Anna Frank non trova pace. Dopo l’episodio che ha coinvolto i tifosi della Lazio, due nuovi casi controversi chiamano in causa direttamente la memoria della bambina tedesca simbolo della Shoah, deportata a Bergen-Belsen nel 1945. Da un lato la proposta delle ferrovie tedesche di intitolare un treno all’autrice del celebre diario, dall’altro un nuovo episodio di antisemitismo emerso nel mondo del calcio, ovvero nuovi adesivi in cui Anna Frank indossa una maglia dello Schalke 04 sono apparsi a Düsseldorf e sui social media.

Deutsche Bahn costretta a scusarsi
“Non c‘è alcuna intenzione di danneggiare la memoria di Anna Frank”, ha reagito la compagnia nazionale di trasporti su rotaia intervenendo sulla scelta di rinominare il treno ICE-4 come la bambina, privata della cittadinanza tedesca e costretta a rifugiarsi ad Amsterdam.

“Mettere insieme Anna Frank e un treno evoca l’idea della persecuzione ebraica e delle deportazioni nella Seconda Guerra Mondiale”, ha scritto la Fondazione Anna Frank in un comunicato.

Deutsche Bahn aveva chiesto ai suoi utenti suggerimenti per trovare una figura a cui dedicare il nuovo treno ad alta velocità. Una giuria che comprende due storici ha scelto il nome della scrittrice tra 19mila proposte di candidati. Tra essi, anche Angela Markel, Konrad Adenauer e Hans e Sophie Scholl, due bambini tedeschi giustiziati dai nazisti per il loro ruolo nella resistenza. La compagnia ha aggiunto che “DB è consapevole delle proprie responsabilità storiche e ha deciso di mantenere così in vita il nome di Anna Frank”, salvo “scusarsi se nell’operazione ha ferito i sentimenti di qualcuno”. Ulteriori discussioni sull’opportunità di rinominare così il treno saranno tenute internamente, scrive DB, con il benestare della comunità ebraica locale.


Nuovi sticker infangano il gioco del calcio
Il blitz antisemita dei tifosi della Lazio nella curva della Roma, che ha avuto eco mediatica globale, è stato emulato in Germania dove sono apparsi adesivi in cui Anna Frank indossa una maglietta della Lazio, ad imitazione delle celebri figurine Panini.


Le immagini si sono viste nei pressi di Düsseldorf, tra Dortmund e Gelsenkirchen, scrive Deutsche Welle. La denuncia è arrivata da un blog locale, Ruhrbarone, dove si legge che l’iconografia è apparsa come foto profilo di un neonazista attivo nella scena della destra estrema locale.

La squadra dello Schalcke 04 è acerrima rivale del vicino Borussia Dortmund (BVB). Il blogger ritiene che l’autore sia un gruppo di neonazisti tifosi proprio del club giallonero. Dortmund, scrive DW, è nota per il gran numero di simpatizzanti di ultradestra. I nazionalisti dell’NPD e “Die Rechte” hanno entrambi dei seggi nel consiglio cittadino. Il Borussia Dortmund ha preso le distanze dall’iniziativa sottolineando come sia da tempo impegnato a combattere l’antisemitismo e il razzismo, organizzando anche dei viaggi di istruzione a campi di concentramento nazisti.

Ma non finisce qui. Su Instagram è apparsa anche una foto di Anna Frank con la maglia del Chemie Leipzig, squadra rivale del Lokomotive Leipzig. Autore del post un sostenitore di quest’ultima. A denunciarlo è stato il giornalista anti-fascista Sören Kuhlhuber. Anche il Lok Leipzig ha preso le distanze dal fattaccio e ha annunciato che prenderà provvedimenti a livello giudiziario contro il responsabile.


Anna Frank è stata uccisa a Bergen-Belsen all’età di 15 anni e il suo diario pubblicato dal padre Otto Frank dopo la seconda Guerra mondiale. E’ stato tradotto in tutto il mondo. La casa-museo dei Frank, ad Amsterdam, attira ogni anno migliaia di visitatori.

La polizia tedesca, infine, sta indagando su un altro episodio di antisemitismo: domenica scorsa due raffigurazioni di atleti ebrei sono state vandalizzate all’esterno del National Football Museum di Dortmund che sta ospitando un’esibizione sugli sportivi di religione ebraica perseguitati dai nazisti.