This content is not available in your region

Unicef: scuole nei campi profughi per i piccoli Rohingya, per dar loro un futuro migliore

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi
Unicef: scuole nei campi profughi per i piccoli Rohingya, per dar loro un futuro migliore

<p>A due mesi dall’inizio dell’esodo, sono già 1,2 milioni i Rohingya ad essere fuggiti dal Myanmar verso il Bangladesh. Di questi, circa 720.000 sono bambini, che hanno bisogno di cure ospedaliere, ma anche di servizi per l’istruzione. Per questo Unicef ha creato centinaia di scuole nei vari campi profughi. </p> <p><blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="en" dir="ltr">Almost 60% of Rohingya refugees are children. <br /> <br /> Donate today → <a href="https://t.co/oemNVESKnL">https://t.co/oemNVESKnL</a> <a href="https://t.co/MBJJoDyH3t">pic.twitter.com/MBJJoDyH3t</a></p>— <span class="caps">UNICEF</span> (@UNICEF) <a href="https://twitter.com/UNICEF/status/922538210282082305?ref_src=twsrc%5Etfw">23 ottobre 2017</a></blockquote><br /> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script></p> “La cosa importante per i bambini è andare a scuola’‘, dichiara il portavoce di Unicef, Christophe Boulierac. ‘‘Vivono in campi profughi, hanno bisogno di imparare a leggere, contare. Anche solo per la loro vita quotidiana qui nei campi, a medio e lungo termine. L’istruzione permette loro – qualora ne avessero bisogno in futuro, cosa che noi ci auguriamo – di avere le capacità di guadagnare soldi per poter vivere. L’istruzione quindi porta anche dignità e speranza’‘. <p>Circa 340.000 bambini della minoranza musulmana birmana vivono in condizioni squallide nei campi profughi, dove manca cibo, acqua pulita e assistenza sanitaria. </p> <p><blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="en" dir="ltr">Up to 12k <a href="https://twitter.com/hashtag/Rohingya?src=hash&ref_src=twsrc%5Etfw">#Rohingya</a> refugee children are reaching Bangladesh every week.<br /> <br /> RT for <a href="https://twitter.com/hashtag/ChildrenUnderAttack?src=hash&ref_src=twsrc%5Etfw">#ChildrenUnderAttack</a>. <a href="https://t.co/a9RsfNmkxE">pic.twitter.com/a9RsfNmkxE</a></p>— <span class="caps">UNICEF</span> (@UNICEF) <a href="https://twitter.com/UNICEF/status/921828563220910080?ref_src=twsrc%5Etfw">21 ottobre 2017</a></blockquote><br /> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script></p> <p>Ogni classe di queste scuole realizzate da Unicef è composta da 37 alunni, ai quali gli educatori insiegnano birmano, inglese, matematica. Devono imparare, ma anche dimenticare le atrocità delle quali sono stati testimoni nel loro Paese, che hanno fuggito insieme alle proprie famiglie, in cerca di un futuro migliore.</p>