ULTIM'ORA

Jim Mattis: "massiccia risposta militare" se minacce a Stati Uniti. Il capo del Pentagono aggiunge: "non vogliamo annientamento Corea del Nord, ma abbiamo molte opzioni per farlo"

Lettura in corso:

Jim Mattis: "massiccia risposta militare" se minacce a Stati Uniti. Il capo del Pentagono aggiunge: "non vogliamo annientamento Corea del Nord, ma abbiamo molte opzioni per farlo"

Dimensioni di testo Aa Aa

E sono sei. Piovono come nelle precedenti occasioni le condanne internazionali dopo l’ennesimo test nucleare nordcoreano. Da quelle ovvie di Corea del sud e Stati Uniti, a quelle meno attese dello storico alleato cinese di Pyongyang. Reprimende che fino ad ora sembrano servite a ben poco. Gli esperti sono fra i più preoccupati. Così il presidente di una task force per la riduzione delle armi nucleari.

“La magnitutidine e la potenza del test dimostrano che il programma nordcoreano ha raggiunto un livello mai visto prima”.

La situazione è tesa all’altezza del 38esimo parallelo. La Corea del Sud chiede più aspre sanzioni, assicurando che farà tutta la pressione possibile sul Consiglio di Sicurezza perché si arrivi all’isolamento “totale” di Pyongyang. Se è deciso nella riunione del Consiglio di sicurezza nazionale che ha annunciato l’ipotesi di accettazione di più armi tattiche dagli Usa.

“Il presidente ha ordinato le misure più dure possibili assieme alla comunità internazionale di fronte alle ultime provocazioni della Corea del nord. Questo include una maggiore pressione sul consiglio di sicurezza”.

Trump ha già fornito dei sistemi antimissile ma le difese potrebbero essere implementate con armi d’attacco in vista di un peggioramento della situazione e dei rapporti fra le due coree. Finora sembra che Pyongyang abbia voluto offrire una risposta all’esercitazione congiunta Seul-Washinghton che il regime considera una provocazione.

E in serata è arrivato l’avvertimento di Jim Mattis, il Segretario di Stato USA alla Difesa: “siamo pronti a massicce risposte militari” in caso di minaccia grave agli Stati Uniti, incluso il territorio di Guam. “Non abbiamo intenzione di annientare la Corea del Nord – ha aggiunto il capo del Pentagono – ma abbiamo diverse opzioni per farlo”.