ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, per Macron finita la luna di miele

Lettura in corso:

Francia, per Macron finita la luna di miele

Dimensioni di testo Aa Aa

Cento giorni a ferragosto: luna di miele finita per il presidente francese Emmanuel Macron. Il bilancio dei primi tre mesi, infatti, punta al ribasso. Secondo un recente sondaggio, solo il 36 per cento degli intervistati è soddisfatto della sua azione. Un dato inferiore perfino a quello registrato nel 2012 dal suo predecessore Hollande. Eppure, dopo il trionfo elettorale, Macron aveva debuttato sulla scena internazionale senza complessi, guadagnadosi per questo i commenti positivi di molti politologi.

“Sin dall’inizio ha mostrato una attitudine molto determinata, a modo suo conciliante, rispettosa. Ha ricevuto Trump a luglio, poi Putin a Versailles e ha riconosciuto il suo interlocutore nella sua singolarità, nella sua dignità. E nello stesso tempo ha inviato anche dei messaggi”, afferma Stéphane Rozès.

Nonostante gli sforzi, è sulla politica interna che i francesi si mostrano più critici. “Si fanno proclami per poi contraddirli. Penso che i nuovi deputati non siano tutti all’altezza, ma non è solo colpa loro, sono giovani e inesperti. Ma che dire…” dice una abitante della capitale. “Aspettiamo ancora un po’. Sulle questioni di politica estera pare sbrigarsela, sulle questioni interne aspetterei ancora altri cento giorni prima di giudicare”, fa eco un passante.

Il portavoce del governo, Castaner ha difeso il bilancio dei prini cento giorni dell’era Macron. “Questo periodo ha permesso di gettare le basi per una trasformazione profonda del Paese”, ha scritto su un social network.