ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Portogallo: incendi, confusione e polemiche


Portogallo

Portogallo: incendi, confusione e polemiche

In Portagallo è stata prima annunciata e poi smentita la notizia della caduta di un canadair, che pure era stata data dalla protezione civile. In azione ci sono tredici aerei, due portoghesi e gli altri inviati fra l’altro dalla Spagna, dalla Francia e dall’Italia.

Sale la confusione e anche la polemica sull’inadeguatezza dei mezzi contro gli incendi e sull’organizzazione dei soccorsi. Il paese lusitano ancora sotto shock per la tragedia del fuoco nell’area di Pedrógão Grande, che non è anocora sotto controllo dopo aver provocato almeno sessantaquattro morti e centocinquantasette feriti. Anzi le fiamme hanno ripreso ad avanzare da martedì pomeriggio, tanto che un’altra quarantina di frazioni sono state costrette all’evacuazione.

Tuttavia una parte degli abitanti avrebbe rifiutato di abbandonare la propria casa, esponendosi a un rischio gravissimo secondo le autorità. Fortunatamente in alcune zone toccate dai roghi è cominciato a piovere nella serata di martedì, facendo sperare un miglioramento della situazione.

Il primo ministro Antonia Costa ha chiesto che si faccia rapidamente luce sulle circostanze del decesso della trentina di automobilisti intrappolati in macchina fra le fiamme sabato sulla Nazionale 236. Secondo una prima ricostruzione sarebbe stata la stessa gendarmeria a indirizzare il traffico verso quella che è stata poi soprannominata la strada della morte.

Contro gli incendi il governo ha dispiegato almeno milleduecento pompieri, coadiuvati da oltre quattrocento autobotti.