ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Profughi venezuelani a Manaus, proclamato stato d'emergenza


Brasile

Profughi venezuelani a Manaus, proclamato stato d'emergenza

Hanno lasciato il loro Paese perché stavano morendo di fame, come tanti. Storia già vista quella degli indigeni Warao) che hanno lasciato il delta dell’Orinoco, in Venezuela, per andare in Brasile, a Manaus, accampandosi sotto un ponte, con pochi prodotti artigianali da vendere. Le autorità brasiliane hanno dichiarato lo stato di emergenza per governare la situazione.
“Un amico mi ha detto che qui si stava bene, che avremmo avuto vestiti e cibo”
“Non avevamo da mangiare in Venezuela, per questo siamo venuti” – raccontano due profughi.
I Warao sono fuggiti dal Venezuela fin dalla fine del 2014. Questo gruppo dall’inizio dell’anno è a Manaus, piena Amazzonia e le autorità locali sono preoccupate soprattutto dall’eventuale diffusione di malattie. Il Brasile da febbraio concede rapidamente ai rifugiati venezuelani un permesso di soggiorno speciale

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Federazione russa

L'oppositore russo Navalni ha lasciato dall'ospedale di Barcellona