ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Assurdità o giustizia? Il terzo ergastolo a Carlos, 43 anni dopo i fatti


Francia

Assurdità o giustizia? Il terzo ergastolo a Carlos, 43 anni dopo i fatti

Un verdetto assurdo secondo il condannato, un traguardo di verità e giustizia per le parti civili. Divide il terzo ergastolo al terrorista filo-palestinese “Carlos”, comminato questa volta in Francia per l’attentato a un drugstore, che nel 1974 aveva provocato a Parigi 2 morti e 34 feriti.

“In fin dei conti questa condanna non cambia nulla rispetto alla situazione di Carlos – dice Guillaume Denoix de Saint Marc, Presidente dell’associazione delle vittime del terrorismo
-. È per le vittime che cambia tutto. Oggi la giustizia ha pronunciato un verdetto che 43 anni dopo ha uno straordinario valore simbolico. È da 43 anni che le vittime aspettavano di sapere chi fosse il responsabile di questo attentato. Oggi lo sappiamo: è Carlos”.

La difesa contesta invece il verdetto, sostenendo che nessun elemento permetta di stabilire con certezza la colpevolezza di Carlos. “Non sappiamo neanche che genere di granata è esplosa nel drugstore di Saint-Germain – dice François Vullemin, uno dei difensori di Carlos – . Eppure Carlos è stato condannato. La verità dei media ha avuto la meglio su quella della giustizia. La verità dei media ha fatto il lavaggio del cervello ai giudici”.

Sessantasette anni, già condannato a due ergastoli, Carlos ha parlato durante l’udienza di “processo assurdo” e fatto sapere, tramite il suo avvocato, che farà appello contro il verdetto.

Germania, aperta un'inchiesta sul presunto spionaggio nei confronti della comunità turca

Germania

Germania, aperta un'inchiesta sul presunto spionaggio nei confronti della comunità turca