ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Arrestato Santo Vottari, boss della ndrangheta, coinvolto nella strage di Duisburg


Italia

Arrestato Santo Vottari, boss della ndrangheta, coinvolto nella strage di Duisburg

Il boss Santo Vottari, 45 anni, è stato arrestato all’alba dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria in contrada Ricciolo di Benestare. L’uomo era in un bunker realizzato in un edificio e non ha opposto resistenza. Ritenuto al vertice dell’omonima cosca, Vottari è stato coinvolto nel processo per la faida di San Luca che vide contrapposte le famiglie Pelle-Vottari e Nirta Strangio, e che culminò con la strage di Duisburg del Ferragosto 2017. Era ricercato dal 2007. Deve scontare 10 anni per associazione a delinquere.

L’uomo è stato trovato nascosto in un bunker di piccole dimensioni realizzato all’interno di un altro bunker in un edificio a Benestare in cui i carabinieri avevano già trovato quattro rifugi. All’interno di uno di questi, posto in un appartamento all’ultimo piano, i militari hanno individuato una botola dalla quale si accedeva ad un rifugio di dimensioni ridottissime, realizzato, probabilmente, per nascondersi solo poche ore.

Santo Vottari era ricercato dal 2007 nell’ambito dell’operazione Fehida condotta pochi giorni dopo la strage di Duisburg contro componenti delle cosche Pelle-Vottari e Nirta-Strangio, protagoniste della faida. A Vottari si coontesta l’accusa di associazione mafiosa per essere stato uno degli organizzatori della strage di Natale del 2006. In quella occasione quattro persone, tra cui un bambino di 5 anni, rimasero ferite, e morì Maria Strangio, moglie di Gianluca Nirta, ritenuto uno dei capi dell’omonima cosca.

Un agguato che secondo l’accusa fu all’origine della successiva strage di Duisburg del Ferragosto 2007, nella quale furono uccise sette persone. L’azione sarebbe stata ordinata dai Nirta-Strangio per vendetta contro i presunti appartenenti delle cosche avversarie.

Santo Vottari fu assolto in primo e secondo grado dall’accusa di omicidio ma fu condannato a 10 anni ed 8 mesi per associazione mafiosa. L’uomo, tra l’altro, era irreperibile già da prima dell’operazione. Subito dopo la strage di Natale del 2006, infatti, molti esponenti di spicco del clan fecero perdere le proprie tracce per paura di ritorsioni da parte dei clan avversari.

Per l’arresto di Vottari il ministro dell’Interno, Marco Minniti, si è congratulato con il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio del Sette, per l’operazione, eseguita dai Reparti Speciali dello Squadrone dei Cacciatori Carabinieri e dal Comando Provinciale di Reggio Calabria. “Voglio ringraziare – ha sottolineato il ministro Minniti – l’Arma dei Carabinieri che, con l’alta professionalità e il sacrificio dei suoi uomini, dopo articolate attività investigative, è riuscita ad assicurare alla giustizia uno dei ricercati più pericolosi d’Italia.