ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il caso Théo, licei bloccati, fermi e scontri a Parigi


Francia

Il caso Théo, licei bloccati, fermi e scontri a Parigi

Cassonetti incendiati, lancio di oggetti contro gli agenti. Tornano ad infiammarsi le banlieue parigine, dopo il caso del giovane Théo aggredito e violentato con un manganello durante un fermo a inizio febbraio. Dopo la rabbia dei residenti, a scendere in piazza sono stati gli studenti di 12 licei con una manifestazione non autorizzata cui hanno partecipato circa duemila persone. Almeno i 8 fermati.

“La parola vendetta è un po’ troppo” dice uno studente. “Noi vogliamo solo giustizia per Théo, come per molte altre persone, che nella periferia della cittá, vengono minacciate e attaccate tutti i giorni dalla polizia e che hanno bisogno del sostegno dei parigini”.

A indire il corteo è stato il Movimento inter-lotte indipendente “Mili”, un gruppo studentesco di sinistra nato nel 2013 per protestare contro la deportazione della giovane rom Leonarda. Le proteste arrivano a due mesi dalle elezioni presidenziali francesi, un un clima definito teso nel Paese, e con i sondaggi che danno quasi certo il passaggio al secondo turno di Marine Le Pen, la leader del partito di estrema destra “Front National”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Svizzera

Conflitto siriano un nuovo tavolo diplomatico per uscire dall'impasse