This content is not available in your region

La Grecia chiude a nuova austerity: "No alle richieste illogiche dell'FMI"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
La Grecia chiude a nuova austerity: "No alle richieste illogiche dell'FMI"

<h3>La UE scalpita, l’<span class="caps">FMI</span> prende tempo, Atene si spazientisce</h3> <p>Atene ostenta ottimismo, ma con Bruxelles e Fondo Monetario Internazionale è stallo per lo sblocco della prossima tranche d’aiuti. All’Unione Europea, che sempre più scalpita per una partecipazione finanziaria dell’<span class="caps">FMI</span> al programma di salvataggio da 86 miliardi di euro, l’istituto di Washington replica reclamando – in via precauzionale – l’approvazione di ulteriori misure d’austerity. Una richiesta che l’esecutivo greco giudica però irricevibile. </p> <p><blockquote class="twitter-tweet" data-lang="fr"><p lang="en" dir="ltr">Greece says will not yield to ‘illogical’ IMF demands in bailout review <a href="https://t.co/5Y0rMUtqXX">https://t.co/5Y0rMUtqXX</a> <a href="https://t.co/8amVbrUqmK">pic.twitter.com/8amVbrUqmK</a></p>— Kathimerini English (@ekathimerini) <a href="https://twitter.com/ekathimerini/status/828945800990380032">7 février 2017</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script><br /> <em>La posizione del governo greco, nella sintesi del suo portavoce: “No alle richieste illogiche dell’<span class="caps">FMI</span>”</em></p> <p>“Il governo aspira all’inclusione della Grecia nel programma di quantitative easing della <span class="caps">BCE</span> – ha detto il portavoce Dimitris Tzanakopoulos -. Per il resto la nostra posizione l’abbiamo già espressa: non cederemo alle richieste illogiche dell’<span class="caps">FMI</span>, che insiste nel volerci far approvare preventivamente misure da 4,5 miliardi di euro da applicare, eventualmente, alla fine del programma d’aiuti”. </p> <h3> “Niente prestiti, debito insostenibile”</h3> <p>Da settimane Atene accusa il Fondo Monetario Internazionale di fare il doppio gioco, invocando da una parte la restrutturazione del debito greco e dall’altra l’adozione di ulteriori misure di austerity. Prima della sua riunione di lunedì, il board dell’<span class="caps">FMI</span> aveva intanto già chiarito che la decisione su una partecipazione ai finanziamenti non era in agenda.</p> <p><blockquote class="twitter-tweet" data-lang="fr"><p lang="en" dir="ltr">Clarifying: IMF board to discuss review of Greece's economy (Article IV) today. Decision on IMF potential future financing not on agenda</p>— Gerry Rice (@IMFSpokesperson) <a href="https://twitter.com/IMFSpokesperson/status/828609380937584643">6 février 2017</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script></p> <p>Lo statuto del Fondo Monetario Internazionale prevede che possa erogare prestiti ai soli stati il cui debito è valutato come “sostenibile”. Dall’<span class="caps">FMI</span>, che pure è spaccato su come affrontare il rompicapo greco, trapela invece un rapporto che indicherebbe quello di Atene come “assolutamente insostenibile sul lungo termine”.</p> <p>“Valutazioni infondatamente pessimistiche” replica il presidente dell’Eurogruppo Dijsselbloem. Il “no” alla ristrutturazione del debito invocata dall’<span class="caps">FMI</span> resta, dice, ma il compromesso potrebbe passare da una revisione dei termini previsti per i rimborsi.</p>