La guerra contro l'Isis

Access to the comments Commenti
Di Euronews
La guerra contro l'Isis

<p>Il 17 ottobre viene lanciata l’offensiva per riconquistare Mosul, la città irachena sotto il controllo dell’Isis dal giugno del 2014.<br /> Sono impegnati in tutto 100 mila uomini, tra peshmerga curdi, le milizie sciite Hashid Shaabi, le milizie sunnite e le forze speciali antiterrorismo.</p> <p>La battaglia di Mosul resta centrale dal punto di vista strategico e simbolico.</p> <blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="it" dir="ltr">Battaglia di Mosul, duemila militari uccisi a novembre <a href="https://t.co/xAqT92dK8D">https://t.co/xAqT92dK8D</a></p>— La Stampa (@LaStampa) <a href="https://twitter.com/LaStampa/status/804381446425018368">1 dicembre 2016</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>È a Mosul che, nell’estate del 2014, Abu Bakr al Baghdadi, il capo dell’Isis, si è autoproclamato Califfo.</p> <p>Il piano della battaglia, preparata da tempo, prevede di circondare la città. Ciascuna forza controllerà una porzione del territorio, come si vede nella cartina.</p> <p>A ovest si sono posizionate le milizie sciite Hashid Shaabi che hanno il compito di bloccare la via che consente ai jihadisti di raggiungere Raqqa.</p> <p>Il piano della coalizione e i checkpoint organizzati dai jihadisti hanno impedito ai civili di abbandonare la città; fatto che ha obbligato le forze della coalizione a una penetrazione lenta e a far uso di armi leggere.</p> <p>Le forze speciali sono avanzate controllando casa per casa.</p> <p>Circondati, i jihadisti, stimati in qualche migliaio, erano pronti a battersi sino alla morte. Hanno usato i tunnel sotterranei scavati in questi due anni e moltiplicato gli attacchi kamikaze. <blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="it" dir="ltr">La battaglia di Mosul si sposta sottoterra e rischia di essere molto lunga La battaglia di Mosul si sposta sott <a href="https://t.co/jejW2tmjCr">https://t.co/jejW2tmjCr</a></p>— NatiPerLavorare (@natiperlavorare) <a href="https://twitter.com/natiperlavorare/status/803875966930055168">30 novembre 2016</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script></p> <p>Mosul, una città di oltre 1,5 mezzo di abitanti, di cui circa un milione rimasto ostaggio della battaglia.</p> <p>Le forze della coalizione hanno invitato gli abitanti a non abbandonare le proprie case nel corso dell’avanzata dell’ esercito.</p> <p>Otto settimane dopo l’inizio dell’offensiva 90 mila persone erano riuscite a fuggire, stando a dati Onu.</p> <p>Con l’arrivo dell’inverno, a Mosul manca tutto. Cibo, carburante, medicine.</p> <p>“Gli aiuti umanitari non bastano per tutti, la gente è affamata per questo corre, non farebbe così se non avesse fame. Siamo stanchi”.</p> <p>Prima di raggiungere Mosul, le forze filogovernative hanno ripreso la città petrolifera di Qayara. </p> <p>Prima però i jihadisti hanno incendiato 18 pozzi così da contrastare bombardamenti e l’avanzamento alleato.</p> <p>Sempre in novembre l’‘esercito iracheno ha riconquistato la città di Nimrud.</p> <p>Nel corso dei due anni di dominio Isis, il 70% della città assira, una delle più grandi della Mesopotamia antica, è stato distrutto.</p> <blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="it" dir="ltr">Irak – Nimrud. Il tesoro che non c'è più, distrutta dall'Isis. Era la capitale dll'impero Assiro.<br /> Da <a href="https://twitter.com/repubblicait"><code>repubblicait</a> <a href="https://t.co/YML0Rnq3gd">pic.twitter.com/YML0Rnq3gd</a></p>&mdash; max 888 (</code>max888ant) <a href="https://twitter.com/max888ant/status/805458989404344321">4 dicembre 2016</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Al di la del confine, in Siria sono i resti di un’altra città dell’antichità a cadere sotto i colpi della barbarie: si tratta di Palmyra.</p> <p>In queste immagini, girate nel marzo scorso da un drone russo, quanto resta di Palmyra, riconquistata dall’esercito siriano.</p> <blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="it" dir="ltr">Retweeted Chiara Zampieri (<a href="https://twitter.com/ZampieriChiara"><code>ZampieriChiara</a>):<a href="https://twitter.com/hashtag/Palmyra?src=hash">#Palmyra</a> libera da <a href="https://twitter.com/hashtag/Daesh?src=hash">#Daesh</a> grazie a <a href="https://twitter.com/hashtag/Putin?src=hash">#Putin</a> unico alleato di <a href="https://twitter.com/hashtag/Assad?src=hash">#Assad</a> ,... <a href="https://t.co/UtmQI9uvyz">https://t.co/UtmQI9uvyz</a></p>&mdash; il ®ippa (</code>DanieleRippa) <a href="https://twitter.com/DanieleRippa/status/714344360406597632">28 marzo 2016</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>Il 10 dicembre, i jihadisti sono entrati nuovamente nella città, cogliendo di sorpresa forze governative e ribelli.</p> <blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="en" dir="ltr"><a href="https://twitter.com/hashtag/IS?src=hash">#IS</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/IslamicState?src=hash">#IslamicState</a> fighters 're-enter ancient <a href="https://twitter.com/hashtag/Palmyra?src=hash">#Palmyra</a>' in <a href="https://twitter.com/hashtag/Syria?src=hash">#Syria</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/MiddleEast?src=hash">#MiddleEast</a> <br /> <a href="https://twitter.com/hashtag/video?src=hash">#video</a><br /> <a href="https://twitter.com/hashtag/isis?src=hash">#isis</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/daesh?src=hash">#daesh</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/siria?src=hash">#siria</a><br /> <a href="https://t.co/3s0MOxBrmi">https://t.co/3s0MOxBrmi</a> <a href="https://t.co/MH6LTKy7fv">pic.twitter.com/MH6LTKy7fv</a></p>— CharlieKoller (@kollerhead) <a href="https://twitter.com/kollerhead/status/807639303429963776">10 dicembre 2016</a></blockquote> <script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script> <p>L’oasi, vitale centro carovaniero ai tempi dell’antica Roma, si trova in mezzo al deserto ed è circondata da montagne. La sua stessa geografia ne rende difficile la difesa.</p> <p>Fatto che ha agevolato i fondamentalisti nella riconquista, anche se impegnati nell’offensiva di Mosul e Raqqa.</p> <p>All’inizio di novembre infatti le Forze democratiche siriane, una coalizione arabo curda, ha lanciato l’attacco per riprendere Raqqa.</p>