Egitto: la bomba in complesso copto risveglia tensioni interreligiose. Decine i morti

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Egitto: la bomba in complesso copto risveglia tensioni interreligiose. Decine i morti

<p>Cristiani copti sotto attacco in Egitto. L’attentato alla cappella di San Pietro e Paolo, annessa alla cattedrale copta di San Marco, che ha fatto almeno 25 morti inclusi dei bambini, è il secondo grave attentato contro la chiesa copta in Egitto dopo quello del 31 dicembre 2010 alla chiesa dei Due Santi di Alessandria, che provocò 23 morti e 97 feriti. </p> <p>S’ignora se questo attentato sia collegato ad altri di questa domenica in Paesi musulmani per creare tensioni interreligiose. Questi sono i giorni di avvento al ‘Moulid el Nabi’, il Natale del profeta Maometto, che viene celebrato con regali di dolcetti e paste, in particolare ai bambini.</p> <p>L’attacco nelle parole di una testimone: “Il suolo era pieno di sangue, scarpe e vestiti di bambini e donne. I banchi della chiesa sventrati, il protone d’ingresso saltato in aria e sbalzato dai cardini malgrado fosse grosso e pesante e le colonne di marmo nell’arcata centrale distrutte”. </p> <p>Dice il vescovo: “Il tradimento e il terrorismo infestano l’intero Egitto. Colpiscono cristiani e musulmani e adesso i luoghi di culto sono diventati obiettivi. Adesso rischiate la vita in chiesa come in qualsiasi altro posto”. </p> <p>Il patriarca della chiesa copta egiziana, Tawadros II, informato dell’evento, ha interrotto la sua visita in Grecia per rientrare d’urgenza al Cairo. La comunità copta <br /> conta intorno al 10 per cento della popolazione egiziana. Si tratta di oltre 10 milioni di abitanti. </p> <p>La capacità dei terroristi di mettere ordigni in un luogo come la cattedrale, che dispone di forti misure di sicurezza, suscita molte domande e risveglia tensioni interreligiose”, dice il nostro corrispondente. “Qui tutti pretendono che i responsabili vengano portati di fronte alla giustizia”.</p>