Mosul: guerra contro il tempo per evitare crisi umanitaria

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Mosul: guerra contro il tempo per evitare crisi umanitaria

<p>Sono quasi 50 mila gli sfollati della città di Mosul, dall’inizio delle operazioni militari per liberare la seconda città irachena dalla tirrania di Daesh.<br /> Nell’ultima settimana il numero dei <a href="http://it.euronews.com/2016/10/18/iraq-paura-per-i-civili-nella-battaglia-per-riprendere-mosul">profughi</a> è infatti raddoppiato.<br /> Un bilancio, sottolinea l’Onu, destinato a crescere.</p> <p>“Ho cercato di fuggire, ho raggiunto Qayyara, dove sono stato catturato. Mi hanno torturato, mi chiedevano perché fuggissi e perché volessi raggiungere la terra degli infedeli”.</p> <p>La battaglia per riconquistare la città intanto procede e sta per entrare in una nuova fase detta “street battle” che porterà gli sfollati entro breve a 200 mila.</p> <p>Il numero degli evacuati al momento però sembra inferiore alle aspettative: </p> <p>Diya’a Salal, direttore generale del dipartimento sfollati e migrazioni iracheno:</p> <p>“Non abbiamo proceduto a numerose evacuazioni, la ragione principale è una e risiede nella strategia adottata dalle forze irachene. Le forze di sicurezza irachene suggeriscono ai civili di stare in casa e di partire solo in caso di estrema emergenza”.</p> <p>Ma l’Onu, sin da principio ha messo in guardia sulla criticità dell’offensiva.</p> <p>Il governo iracheno ha costruito 10 campi profughi in cui si contano oltre 10 mila tende.</p> <p>“Offriamo le prime cure per i feriti per civili e militari. In particolare per i civili”.</p> <p>A un mese dall’inizio dell’offensiva, questo giovedì le forze irachene avanzano a sud e a ovest della città, con l’obiettivo di bloccare le vie di approvvigionamento dei fondamentalisti.</p> <p>Diya’a Salal:</p> <p>“La battaglia procederà adesso casa per casa. A mano a mano che l’azione militare andrà avanti il numero degli sfollati aumenterà”.</p> <p>Nello scenario peggiore, secondo stime Onu, il numero degli sfollati potrebbe arrivare a sfiorare il milione di persone, cosa che trasformerebbe l’operazione in una delle peggiori crisi umanitarie degli ultimi anni.</p>