ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Terza notte di proteste anti-Trump negli Usa. A Portland la polizia usa i lacrimogeni


USA

Terza notte di proteste anti-Trump negli Usa. A Portland la polizia usa i lacrimogeni

Terza notte consecutiva di proteste in Usa contro Donald Trump presidente. Marce e sit-in si sono svolte in varie città, da Miami a Filadelfia, da Columbus a New York.

A Portland, nell’Oregon, la polizia ha usato lacrimogeni e granate stordenti per disperdere la folla dopo che centinaia di manifestanti hanno marciato in città bloccando il traffico, scandendo slogans e dipengendo graffiti sui muri.

Manifestazione pacifica a Miami in Florida dove i dimostranti hanno tentato di bloccare una importante strada federale.

Erano numerosi in strada anche a New York, dove la protesta ha preso i tini creativi dei messaggi di speranza, appesi ai muri della metropolitana. In città, tuttavia, non mancano le preoccupazioni.

“Mi sento un po’ impaurita, temo quello che potrà accadere nel nostro paese”.

“Sono sconvolto, come molti newyorchesi. E’ qualcosa di scioccante. Ma ci rendiamo conto di non vivere in una bolla, e cerchiamo di riprenderci in qualche modo”.

Sempre a New York per oggi è atteso un megaraduno, al quale hanno già aderito per email oltre 10.000 persone, che si snoderà da Times Square alla Trump Tower, mentre una mobilitazione delle donne statunitensi è prevista prima del 20 gennaio, data di insediamento del neo presidente.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Venezuela, continuano i colloqui governo-opposizione mediati dall'inviato del Papa