ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Giù le mani, Erdogan". Montano le proteste contro gli arresti in Turchia

Lettura in corso:

"Giù le mani, Erdogan". Montano le proteste contro gli arresti in Turchia

"Giù le mani, Erdogan". Montano le proteste contro gli arresti in Turchia
Dimensioni di testo Aa Aa

Montano in Turchia e all’estero le proteste contro gli arresti di politici filo-curdi e stampa di opposizione. “Una vergogna davanti alla storia”, la prima pagina del quotidiano Cumurriyet, nel giorno in cui un tribunale di Istanbul ha convalidato la detenzione preventiva del suo direttore e di altre figure di spicco della testata, sospettate di legami con il clerico e nemico giurato di Erdogan, Fetullah Gulen.


In un Tweet del quotidiano d’opposizione Cumhuriyet, la folla che si è radunata per manifestare sotto la sua redazione di Istanbul

“Questo governo sta criminalizzando il giornalismo – ha accusato Baris Yarkadas, politico del partito d’opposizione CHP, alla manifestazione di solidarietà, organizzata davanti alla sede del quotidiano -. Questo governo sta imbavagliando l’informazione e sta negando ai cittadini il diritto a informarsi”.

“Giù le mani, Erdogan”. Curdi in piazza e da Colonia ad Atene

Accuse che hanno varcato i confini turchi, alimentando manifestazioni in diverse città europee. Dai 2000 in strada a Parigi, scesa in piazza insieme a Rennes, l’intimazione “Giù le mani, Erdogan” e “Non toccate il mio deputato dell’HDP” (ndr: il partito filo-curdo di cui venerdì sono stati arrestati diversi esponenti, fra cui il co-leader Selahattin Demirtas).

Il record di mobilitazione va però alla Germania, che ospita la più nutrita comunità curda d’Europa, con cortei a Colonia, Stoccarda, Brema e altre città.

“Fermate la dittatura di Erdogan”, uno degli striscioni comparsi alla manifestazione di Colonia: 6500 i partecipanti, secondo gli organizzatori

Cartelli di sostegno al partito filo-curdo HDP e al suo co-leader Demirtas, arrestato venerdì, hanno poi sfilato accanto a bandiere del PKK in Grecia, dove in circa mille sono scesi in piazza ad Atene.