ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Bocciate al Consiglio di Sicurezza dell'Onu le due risoluzioni su Aleppo


USA

Bocciate al Consiglio di Sicurezza dell'Onu le due risoluzioni su Aleppo

Resta in stallo il futuro della città siriana di Aleppo.
Nella riunione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu le due risoluzioni avanzate da due fronti opposti sono state bocciate.

Affossata per i voti insufficienti la proposta russa che sosteneva l’iniziativa dell’inviato dell’Onu Staffan De Mistura sul ritiro dei combattenti da Aleppo.

Bocciata invece con il veto russo l’altra risoluzione avanzata dalla Francia e appoggiata da 40 Paesi. Il testo chiedeva l’immediato cessate il fuoco ad Aleppo e una no-fly zone.

“Con il veto la Russia ha confermato quello che sappiamo da tempo – ha dichiarato Matthew Rycroft, rappresentante del Regno Unito – Le azioni di Mosca nelle ultime settimane indicano chiaramente in che modo considera essere impegnata nel processo di pace”.

La popolazione ad Aleppo vive intanto settimane drammatiche. La città è assediata e almeno 250 mila civili sono in trappola,in mezzo ai combattimenti.
Gli scontri più intensi nella parte orientale della città.

“Sappiamo – ha sottolineato Hanaa Singer, rappresentante dell’Unicef in Siria – che nei quartieri nell’est di Aleppo i centri ospedalieri non funzionano e i medici non riescono a salvare i tanti bambini che sono in terribili condizioni. Non possono far altro che lasciarli morire.
Bisogna fermare subito le violenze e in seguito dobbiamo essere pronti immediatamente a fornire aiuti anche nell’est della città”.

Aleppo è presa nella morsa dei combattimenti tra forze filo Assad e i ribelli. Al tempo stesso viene bombardata dall’aviazione russa. Se non verranno fermate le armi, ha denunciato pochi giorni fa, l’inviato dell’Onu de Mistura, la città nel giro di due mesi sarà rasa al suolo.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Yemen: bombe su funerale a Sana'a, oltre 100 i morti