ULTIM'ORA

Lettura in corso:

"Pressioni per manipolare il rapporto", Cazaneuve denuncia la poliziotta di Nizza per diffamazione

mondo

"Pressioni per manipolare il rapporto", Cazaneuve denuncia la poliziotta di Nizza per diffamazione

Pubblicità

“Ancora una volta dobbiamo fare qualsiasi cosa per rispondere alla minaccia e dobbiamo sapere tutto ciò che è è accaduto a Nizza. Verità e trasparenza sono fondamentali in una democrazia. Ed è la giustizia che dovrà accertarle, nessun altro”.

Il presidente francese interviene per cercare di sedare la polemica sulle misure di sicurezza in campo la sera dell’attentato a Nizza, che ha fatto 84 morti. François Hollande ha parlato in occasione della visita presso i militari dell’anti terrorismo (#OpérationSentinelle).

Intervistata dal Journal du Dimanche, Sandra Bertin, la responsabile del sistema di videosorveglianza di Nizza la sera del 14 luglio, ha denunciato le “pressioni” che avrebbe subìto al telefono da parte di un funzionario del ministero dell’Interno per falsare i dettagli del dispositivo di sicurezza.

“La persona mi ha chiesto di inserire nel rapporto i punti precisi in cui erano presenti la polizia locale e quella nazionale. A questo ho risposto che li avrei indicati in base a quello che vedevo e che non avrei inventato nulla. Al che mi ha chiesto una versione modificabile del rapporto, cosa alla quale mi sono opposta”.

Il ministro dell’Interno Berbard Cazaneuve ha detto che denuncerà Sandra Bertin per diffamazione.

In Francia è in atto uno scontro politico riguardo all’adeguatezza dell’apparato di sicurezza presente sulla Promenade des Anglais.

Il centro-destra accusa il partito socialista che è al governo di non essere all’altezza della situazione.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo