ULTIM'ORA

Lettura in corso:

EgyptAir, il Cairo smentisce le brusche virate dell'Airbus prima dello schianto

mondo

EgyptAir, il Cairo smentisce le brusche virate dell'Airbus prima dello schianto

Pubblicità

Mentre s’attende l’esame medico legale sui resti delle vittime dell’incidente del volo EgyptAir, le autorità del Cairo smentiscono quella che sembrava finora la sola certezza sulla dinamica del disastro: l’Airbus A320 precipitato in mare giovedì scorso con 66 persone a bordo non avrebbe compiuto alcuna brusca virata prima d’inabissarsi nel Mediterraneo.

L’affermazione smentisce quanto descritto con precisione dal Ministro della Difesa ellenico Panos Kammenos poche ore dopo l’incidente: una brusca virata di 90 gradi a sinistra e poi una di 360 gradi a destra.

Uno scenario in base al quale nei giorni scorsi diversi esperti avevano ipotizzato il tentativo da parte dei piloti di evitare “qualcosa”, mettendo in evidenza il fatto che nell’area erano in corso esercitazioni militari di routine congiunte greco-egiziane.

Continuano intanto le ricerche delle scatole nere del velivolo che continueranno ad emettere il segnale radar per un tempo massimo di 5 settimane. In loco si trova un sottomarino robot inviato dall’Egitto ed in grado di operare a 3.000 metri di profondità, quella dei fondali del Mediterraneo nell’area del disastro aereo.

Sul posto è giunta inoltre il ricognitore “Jacoubet” inviato da Parigi ed equipaggiato con un sonar in grado di individuare i segnali dei registratori di volo sommersi. A bordo dell’aereo decollato da Parigi e diretto al Cairo si trovavano 15 cittadini francesi.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo