ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crimea: anniversario deportazione tatari guadagna visibilità grazie allo Eurovision Song Contest

Il 18 maggio del 1944 iniziava la deportazione dei tatari dalla Crimea ordinata da Stalin.

Lettura in corso:

Crimea: anniversario deportazione tatari guadagna visibilità grazie allo Eurovision Song Contest

Dimensioni di testo Aa Aa

Il 18 maggio del 1944 iniziava la deportazione dei tatari dalla Crimea ordinata da Stalin. 72 anni dopo, l’anniversario è carico di connotazioni politiche dopo l’annessione della penisola da parte della Russia.

Vietate le celebrazioni in Crimea, sono state numerose le manifestazioni in Ucraina. E da Kiev, il presidente Petro Poroshenko attacca Mosca: “L’Ucraina e il mondo non possono permettere la ripetizione della tragedia dei tatari di Crimea – ha detto il capo dello Stato – La Crimea era, è, e sarà parte dell’Ucraina. E un paese criminale sarà obbligato a restituire ciò che ci è stato rubato”.

Piazza Maidan, simbolo della rivolta proeuropea, torna a riempirsi anche grazie alla vittoria, allo Eurovision Song Contest, di una cantate tatara con un brano proprio sulla deportazione.

“Jamala ha vinto lo Eurovision e ha consegnato all’Europa e al mondo il suo messaggio – sostiene Hanna Islamova, una tatara di Crimea – La sua vittoria dimostra che l’Europa ci sostiene”.

Nello spazio di tre giorni oltre 200.000 tatari furono messi sui treni e spediti in Asia centrale, accusati di aver collaborato con i nazisti. Quasi la metà di loro morì durante il viaggio. I tatari poterono fare ritorno in Crimea solo nel 1980.